HOME CORSO DI INGLESE DI BASE 20 ORE READSPEAKER READSPEAKER ON DEMAND
RIVISTA ENGLISH4LIFE
ENGLISH4LIFE ONLINE ABBONAMENTI FORMULA 4-5-6-7
 Multiblog Grammatica inglese • Daisy Stories Arranger Stories
Il Blog di Daisy
Studia l'inglese con noi Risorse sfiziose Testi paralleli (Wikipedia) Testi paralleli (altri) Testi paralleli di Beppe Grillo Testi paralleli di Antonio Di Pietro The West Family Classici in inglese
Wikibooks
Corso di inglese di base Metodo Casiraghi-Jones Come studiare Tips Risposte Articoli in italiano Enciclopedia
Tutto Corsi Inglesi Certificazioni I buoni acquisti


 

TUTTI GLI ARTICOLI

  1. Abbazia di Westminster

  2. Abramo Lincoln

  3. Adrienne Corri

  4. Aeroporto di Londra - Heathrow

  5. Alabama

  6. Alan Parker

  7. Alaska

  8. Aldous Huxley

  9. Alec Guinness

  10. Alexander Korda

  11. Alfred Hitchcock

  12. Amleto

  13. Amnesty International

  14. Andrew Lloyd Webber

  15. Angela Lansbury

  16. Angli

  17. Anglicanesimo

  18. Angus Beef

  19. Anna Friel

  20. Anthony Hopkins

  21. Assassinio sull'Orient Express

  22. Aston Martin

  23. Attentati del 7 luglio 2005 a Londra

  24. Atto di Unione

  25. Audrey Hepburn

  26. Austin Powers

  27. Australia

  28. Basic English

  29. Batman

  30. Battaglia di Camlann

  31. Battaglia d'Inghilterra

  32. Beda il venerabile

  33. Belfast

  34. Believe - Album di Cher

  35. Benjamin Britten

  36. Benjamin Franklin

  37. Bertrand Russell

  38. Beverly Hills

  39. Bill Gates

  40. Bing Crosby

  41. Blaxploitation

  42. Bloomsbury

  43. B-Movie

  44. Book of Common Prayer

  45. Boris Karloff

  46. Boston

  47. Brenda Blethyn

  48. Brian Eno

  49. Brighton

  50. British Airway

  51. British Museum

  52. Brit Pop

  53. Broadway

  54. Buckingham Palace

  55. California

  56. Cambridge

  57. Camera dei Comuni

  58. Camera dei Lord

  59. Canada

  60. Cancelliere dello Scacchiere

  61. Carlo, principe del Galles

  62. Carnaby Street

  63. Carol Reed

  64. Casa bianca

  65. Casa degli Stuart

  66. Casa Windsor

  67. Cattedrale di St. Paul

  68. Cerimonie dei Premi Oscar

  69. Charing Cross

  70. Charles Darwin

  71. Charles Dickens

  72. Charles Kennedy

  73. Charles Laughton

  74. Charlie Chaplin

  75. Charlotte Brontë

  76. Chaucer

  77. Cher

  78. Chiesa Scientista

  79. Christian Bale

  80. Christopher Eccleston

  81. Christopher Isherwood

  82. Christopher Wren

  83. Chuck Berry

  84. Cime tempestose

  85. City of London

  86. City of Westminster

  87. Claire Forlani

  88. Clark Gable

  89. The Clash (gruppo pop)

  90. Coldplay

  91. Colonna di Nelson

  92. Commonwealth delle nazioni

  93. Condoleezza Rice

  94. Cornovaglia

  95. Cranberries

  96. David Beckham

  97. David Bowie

  98. David Bradley

  99. David Hemmings

  100. David Lean

  101. David Lloyd George

  102. David Souchet

  103. David Yates

  104. Dean Martin

  105. Derbyshire

  106. Derek Jacobi

  107. Derek Jarman

  108. Dialetto inglese americano

  109. Diana Spencer

  110. Dichiarazione d'indipendenza degli Stati Uniti d'America

  111. Dinastia Tudor

  112. Dirk Bogarde

  113. Disneyland Resort

  114. Doctor Who

  115. Downing Street

  116. Dublino

  117. Edgar Allan Poe

  118. Edoardo il Confessore

  119. Edoardo VIII

  120. Elisabetta II

  121. Elvis Presley

  122. EMI

  123. Emily Brontë

  124. Eric Campbell

  125. Ethelbert del Kent

  126. Eton College

  127. Eurotunnel

  128. Ezra Pound

  129. Falsi amici

  130. Fitzwilliam Museum di Cambridge

  131. Florence Nightingale

  132. Forrest Gump

  133. Francis Bacon, filosofo

  134. Franklin Delano Roosevelt

  135. Frank Sinatra

  136. Frank Zappa

  137. Galles

  138. Gangsta Rap

  139. Geografia dell'Irlanda

  140. George Bernard Shaw

  141. George Eliot

  142. George Gershwin

  143. George Harrison

  144. George Martin

  145. George Michael

  146. George Orwell

  147. George Washington

  148. George Bush

  149. Gibilterra

  150. Giorgio III

  151. Giorgio VI

  152. Giovanni Senzaterra

  153. Glastonbury

  154. Glastonbury Festival

  155. Globe Theater

  156. Glossario di falsi amici

  157. Gloucesterhire

  158. Gordon Brown

  159. Grace Kelly

  160. Gran Bretagna

  161. Grande incendio di Londra

  162. Grande Londra

  163. Grandi speranze

  164. Greater Manchester

  165. Greenwich Village

  166. The Guardian (quotidiano inglese)

  167. Guernsey

  168. Guerra civile inglese

  169. Guerra delle Falklands

  170. Guerra di indipendenza americana

  171. Guerra di secessione americana

  172. Guy Fawkes

  173. Guy Ritchie

  174. Hanna e Barbera

  175. Harry Potter

  176. Harry S. Truman

  177. Helena Bonham Carter

  178. Henry Fielding

  179. Herbert Spencer

  180. Herefordshire

  181. Historia Ecclesiastica Gentis Anglorum

  182. Horatio Nelson

  183. How clean is your house

  184. H. P. Lovecraft

  185. Hugh Grant

  186. IANA - Internet Assigned Numbers Authority

  187. Ian Fleming

  188. Ian Hart

  189. Ian Holm

  190. ICANN

  191. I due gentiluomini di Verona (commedia di Shakespeare)

  192. Illinois

  193. Il mercante di Venezia

  194. Impero Britannico

  195. Nuova pagina 102

  196. Independence Day

  197. Indymedia

  198. Inghilterra

  199. Inghilterra vittoriana

  200. Inglese antico

  201. International Herald Tribune

  202. Ira Gershwin

  203. Irlanda del Nord

  204. Irving Berlin

  205. Isola di Man

  206. Isola d'Irlanda

  207. Isole britanniche

  208. Isole Falkland

  209. Isole Marianne settentrionali

  210. Jack Nicholson

  211. James Bond

  212. James Cook

  213. James Joyce

  214. James Stewart

  215. Jamie Bell

  216. Jane Birkin

  217. Jane Eyre (romanzo)

  218. Jason Isaacs

  219. Jeremy Irons

  220. Jersey

  221. Jimmy Wales (fondatore di Wikipedia)

  222. Jim Sheridan

  223. Joan Fontaine

  224. Joanne Rowling

  225. John Constable

  226. John Dryden

  227. John F. Kennedy

  228. John Ford

  229. John Gielgud

  230. John Henry Newman

  231. John Huston

  232. John Lennon

  233. John Locke

  234. John Maynard Keynes

  235. John Profumo

  236. John Stuart Mill

  237. John Wayne

  238. Julie Andrews

  239. Kansas

  240. Keira Knightley

  241. Ken Loach

  242. Kenneth Branagh

  243. Ku Klux Klan

  244. La bisbetica domata

  245. La commedia degli errori

  246. La dodicesima notte

  247. La fattoria degli animali (romanzo)

  248. Las Vegas

  249. La tempesta

  250. La terra desolata (poesia)

  251. Laurence Olivier

  252. Le allegre comari di Windsor

  253. Leicestershire

  254. Leonardo Di Caprio

  255. Leslie Howard

  256. Letteratura vittoriana

  257. Letterature in inglese

  258. Leviatano

  259. Liberaldemocrats

  260. Licensing act

  261. Limerick

  262. Lingua gallese

  263. Lingua inglese

  264. Lingua inglese di Scozia

  265. Lingua irlandese

  266. Lingua mannese

  267. Lingua scozzese

  268. Lista dei re del Kent

  269. Liverpool

  270. Londra

  271. L'origine delle specie (saggio)

  272. Los Angeles

  273. Macbeth

  274. Madame Tussauds (museo)

  275. Magna Charta (storia)

  276. Maine (stato americano)

  277. Manchester United

  278. Manhattan

  279. Manica (geografia)

  280. Mar d'Irlanda

  281. Mare del Nord

  282. Margaret Thatcher

  283. Marlon Brando

  284. Martin Feldman

  285. Merseyside

  286. Metro Goldwin Mayer

  287. Michael Caine

  288. Michael Collins (patriota irlandese)

  289. Mick Jagger

  290. Microsoft

  291. Midlands Occidentali

  292. Mike Leigh

  293. Molto rumore per nulla

  294. Montagne rocciose

  295. Monty Python

  296. Monty Python's Flying Circus

  297. Mormoni

  298. Musica Rap

  299. N.A.S.A.

  300. Nasdaq

  301. National Gallery di Londra

  302. Neil Armstrong

  303. Nevada

  304. New England (stato USA)

  305. Noel Coward

  306. Northumberland

  307. Oasis

  308. Oceano Atlantico

  309. Oceano Pacifico

  310. Oklahoma

  311. Old Trafford

  312. Oliver Cromwell

  313. Olivia de Havilland

  314. Olivia Hussey

  315. Orlando Bloom

  316. Oscar Wilde

  317. Otello

  318. Ottawa

  319. Oxford

  320. Partito conservatore (Tories)

  321. Partito Democratico (USA)

  322. Partito Laburista (Labour)

  323. Patsy Kensit

  324. Paul Bettany

  325. Paul McCartney

  326. Paul Simon

  327. Pennsylvania

  328. Percy Bysshe Shelley

  329. Pete Best

  330. Peter Brook

  331. Peter Cushing

  332. Peter Greenaway

  333. Peter Pan

  334. Peter Sellers

  335. Peter Ustinov

  336. Piccadilly Circus

  337. Plastic Ono Band

  338. Ponte di Brooklyin

  339. Premio Oscar

  340. Preraffaeliti inglesi

  341. Presidente degli Stati Uniti

  342. Principe Henry del Galles

  343. Progetto Apollo

  344. Prometeo liberato

  345. Pronuncia dell'inglese

  346. Provisional IRA

  347. Pulp Fiction

  348. Quentin Crisp

  349. Quentin Tarantino

  350. Reame del Commonwealth

  351. Re Artù

  352. Regioni dell'Inghilterra

  353. Regno del Kent

  354. Regno Unito

  355. Re Lear

  356. Repubblica d'Irlanda

  357. Rex Harrison

  358. Rhode Island

  359. Riccardo III (dramma di Shakespeare)

  360. Richard Attenborough

  361. Richard Burton

  362. Richard Griffiths

  363. Richard Nixon

  364. Ridley Scott

  365. Ringo Starr

  366. Rivoluzione Americana

  367. Rivoluzione industriale

  368. Robert Walpole

  369. Rock and Roll

  370. Romeo e Giulietta

  371. Rowan Atkinson

  372. Royal Botanic Gardens di Kew (Kew Gardens)

  373. Royal Navy

  374. Royal Shakespeare Company

  375. Royal society

  376. Rupert Everett

  377. Rupert Grint

  378. Salt Lake City

  379. San Diego

  380. San Patrizio

  381. Sarah Brightman

  382. Sassoni

  383. Scandalo Profumo

  384. Scientology

  385. Scooby-doo

  386. Scotland Yard

  387. Scozia

  388. Sean Connery

  389. Sex Pistols

  390. Shamrock

  391. Sherlock Holmes

  392. Shirley Henderson

  393. Shropshire

  394. Sidney

  395. Silicon Valley

  396. Simon e Garfunkel

  397. Simpson (cartoni animati)

  398. Sinn Fein

  399. Situation comedy (sitcom)

  400. Sogno di una notte di mezza estate

  401. Somerset

  402. Sorelle Brontë

  403. Southpark (cartoni animati)

  404. Space Shuttle Challenger

  405. Speaker's corner

  406. Spice Girls

  407. Stanford University

  408. Stati Confederati d'America

  409. Stati Uniti d'America

  410. Stephen King

  411. Stirling Moss

  412. Storia dell'Inghilterra

  413. Stratford-upon-Avon

  414. Sussex

  415. Swinging London

  416. Tamigi

  417. Tate Gallery di Londra

  418. Teatro elisabettiano

  419. Teletubbies

  420. Terence Fisher

  421. Terence Young

  422. Terry Pratchett

  423. That's my Bush

  424. The Beatles (album)

  425. Theodore Roosevelt

  426. Thomas Jefferson

  427. Thomas Malthus

  428. Thomas Stearns Eliot (poeta)

  429. Tim Curry

  430. The Times (quotidiano inglese)

  431. Tim Roth

  432. Titanic (film)

  433. Tom Baker

  434. Tom Felton

  435. Tony Blair

  436. Torre di Londra

  437. Total Request Live

  438. Tower Bridge

  439. Trafalgar Square

  440. Trentanove articoli di fede

  441. Tutto è bene quello che finisce bene

  442. Union Jack

  443. Università di Cambridge

  444. Università di Harvard

  445. Università di Oxford

  446. Uno studio in rosso (romanzo)

  447. US Marine Corps (marines)

  448. Vanessa Redgrave

  449. Victoria and Albert Museum

  450. Victoria Beckham

  451. Virginia

  452. Virginia Woolf

  453. La Regina Vittoria

  454. Vodafone

  455. Walt Disney

  456. Walt Disney Company

  457. Walt Disney World Resort

  458. Warwickshire

  459. Wembley

  460. Westminster Abbey

  461. Wham

  462. Wikipedia

  463. William Blake

  464. William Butler Yeats

  465. William Morris

  466. William Shakespeare

  467. William Turner

  468. Winston Churchill

  469. Wisconsin

  470. Woody Allen

  471. Wystan Hugh Auden (poeta)

  472. Yorkshire (regione inglese)
    GRAMMATICA

  473. Pronomi personali soggetto

  474. Pronomi personali complemento

  475. Appellativi di cortesia

  476. To be

  477. Usi particolari di to be

  478. Aggettivo qualificativo

  479. Nazionalità, paesi e continenti

  480. Nazionalità, aggettivi e sostantivi

  481. Età

  482. WH-questions 1

  483. WH-Questions 2

  484. Articolo determinativo e indeterminativo

  485. Sostantivo plurale

  486. Possesso e aggettivi possessivi

  487. Can

  488. C'è - Ci sono

  489. Aggettivi dimostrativi

  490. Preposizioni di stato in luogo

  491. Preposizioni di tempo: at, in, on

  492. Forme del verbo: Simple Present

  493. Imperativo

  494. Construzione dei verbi che esprimono gusti e preferenze

  495. Avverbi di frequenza

  496. Espressioni avverbiali di tempo

  497. Numeri cardinali

  498. L'ora

  499. Posizione del complemento oggetto e di termine

  500. Il Simple Past



Articolo tratto da: http://it.wikipedia.org/wiki/George_W._Bush

ll presente articolo è autorizzato ai sensi della GNU Free Documentation License, vedi: http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html

George W. Bush

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

 
Questa voce contiene errori ortografici o storpiature della lingua italiana. Se puoi, contribuisci adesso a correggerli e poi rimuovi questo avviso. Per l'elenco completo delle voci da correggere vedi la relativa categoria.
George w. Bush
George w. Bush

(New Haven, Connecticut, USA, 6 luglio 1946) è il 43° presidente degli Stati Uniti d'America. Il suo primo mandato quadriennale come presidente è cominciato il 20 gennaio 2001. Le elezioni tenutesi il 2 novembre 2004 lo hanno riconfermato per un secondo mandato, che ha avuto inizio il 20 gennaio 2005.

Prima di diventare presidente, Bush è stato uomo d'affari e governatore del Texas dal 1995 al 2000. È figlio dell'ex presidente George Herbert Walker Bush e fratello del governatore della Florida, Jeb Bush.

Indice

[nascondi]

Vita personale, istruzione e servizio militare

George W. Bush e Laura Bush con le loro figlie Jenna e Barbara, 1990
George W. Bush e Laura Bush con le loro figlie Jenna e Barbara, 1990
La famiglia Bush guarda tee ball sul prato della Casa Bianca
La famiglia Bush guarda tee ball sul prato della Casa Bianca

Figlio di Barbara e George Bush, cresce a Midland e Houston (Texas). È il primo di quattro fratelli e sorelle: Jeb, Neil, Marvin, Dorothy e Robin (morta di leucemia nel 1953, all'età di tre anni).

Come suo padre, studia nella nota Phillips Academy (settembre 1961–giugno 1964) e poi presso la non meno famosa Università di Yale (settembre 1964–maggio 1968) dove si iscrive alle confraternite (in inglese fraternity) Delta Kappa Epsilon (di cui è pure presidente dall'ottobre 1965 fino alla laurea) e Skull and Bones. Gioca a baseball e a rugby. Nel 1968 ottiene il bachelor's degree, ovvero il diploma universitario, in storia.

Dopo la laurea a Yale, il 27 maggio 1968 è chiamato alle armi nella Guardia aerea del Texas, per la Guerra del Vietnam in corso, con l'obbligo di servire fino al 26 maggio 1974. Dopo un addestramento di due anni impara a pilotare gli aerei e, nel novembre 1970, riceve il grado di tenente. Jerry B. Killian, commandante della Guardia aerea del Texas e sponsor della sua promozione, lo descrive come un "giovane ufficiale dinamico", "pilota di caccia da intercettazione di prima qualità" e dalle capacità che "superano di gran lunga quelle dei suoi compagni", "un leader naturale che i suoi compagni considerano una guida", "un buon sottufficiale con eccezionali tratti disciplinari ed impeccabile portamento militare". Fino al 1972 è pilota di caccia F-102 Delta Dagger. Si dice che il padre, all'epoca membro del Congresso per il Texas, aiutò molto il giovane George nella carriera militare.

Nel settembre 1973, grazie ad un permesso che gli permette di frequentare la Università di Harvard, termina la carriera militare, diventando riserva inattiva, con sei mesi di anticipo rispetto alla scadenza della ferma. Gli avversari politici avanzano dubbi sul "motivo ufficiale" del suo congedo anticipato: nel 2000 la consultazione del suo fascicolo militare avrebbe rivelato la sospensione dal volo come conseguenza dell'essersi sottratto ad un test sul consumo di droghe e ad alcuni esami psicologici.

Nel 1973 entra alla Harvard Business School e nel 1975 porta a termine, primo presidente degli Stati Uniti, il Master in Business Administration.

Nel 1977 sposa Laura Welch. Nel 1986, all'età di 40 anni, diviene "cristiano rinato", convertendosi dalla Chiesa Episcopale alla Chiesa Metodista Unita, cui già aderiva la moglie. Nel 1981 da Barbara ha due figlie gemelle, Barbara e Jenna.

Nel weekend della Festa del lavoro USA, 4 settembre 1976, sorpreso alla guida in stato di ebbrezza presso la residenza estiva di famiglia a Kennebunkport, nel Maine, è arrestato e multato dalla polizia con sospensione della patente. La notizia è resa nota cinque giorni dopo l'elezione presidenziale del 2000 dallo stesso dipartimento di polizia di Kennebunkport.

Bush descrive la sua vita prima della conversione religiosa come un periodo "nomade" e di "gioventù irresponsabile", anche per il "troppo" bere ("Ho smesso di bere nel 1986 e non ho bevuto nemmeno una goccia da allora; CNN, [1] [2] [3] ) - a cui rinuncia dopo il suo quarantesimo compleanno. Il suo cambiamento comportamentale e religioso è attribuito anche all'incontro, nel 1985, con il reverendo protestante Billy Graham.

Sollecitato in più occasioni a parlare del suo presunto abuso di cocaina, non ha mai smentito né confermato.

Accento di Bush e parlata texana

Bush è talvolta chiamato Dubya (variante di double-u, dato che nella conversazione you, che equivale foneticamente a U è sostituito da ya, come in how'd ya, "how do you (do)?"). Dubya è una variante texana di "W"), che sta per Walker. La pronuncia non segue lo standard nazionale modellato secondo la parlata del Middle West, regione che comprende gli stati centro-settentrionali. È piuttosto vicina a quello che negli USA è chiamato colloquialmente southern drawl, la cadenza meridionale. Tra i neologismi più noti coniati da Bush è misunderestimate (al posto di underestimate) che pronunciò dopo le elezioni in un discorso rivolto ai democratici ("you misunderestimated me", cioé "voi mi avete sottovalutato").

Affari e carriera politica

Nel 1978, Bush si candidò alla Camera dei Rappresentanti, ma venne sconfitto dal senatore Kent Hance, un democratico.

Bush iniziò la sua carriera nell'industria del petrolio nel 1979, quando fondò la "Arbusto Energy" ("arbusto" è la traduzione spagnola del sostantivo anglo-americano "bush"), una società di prospezione petrolifera e gas che formò nel 1977 grazie a quanto gli rimaneva della sua borsa di studio e, in massima parte, grazie ai fondi messi a sua disposizione da altri investitori, in primo luogo dal suo socio Salim Bin Laden, fratello del miliardario saudita Osama Bin Laden. La crisi energetica del 1979 colpì anche la Arbusto Energy e, dopo averne cambiato il nome in "Bush Exploration Oil & Gas Co.", Bush la vendette nel 1984 a Spectrum 7, un'altra compagnia texana di ricerca di petrolio e gas per circa 1 miliardo di dollari. Secondo i termini della vendita, Bush divenne amministratore delegato di Spectrum 7. La storia si ripeté quando durante la crisi del 1985-1986 Spectrum 7 fece bancarotta. Spectrum 7 fu infatti salvata dall'acquisto deciso dalla "Harken Energy Corporation" nel 1986 e Bush entrò nel Consiglio di amministrazione della Harken.

Bush fu accusato di insider trading (sfruttamento indebito di informazioni riservate) per aver venduto le azioni mentre era nel consiglio di amministrazione di Harken Energy Corporation nel 1990. La Commissione di controllo della Borsa USA (SEC) ha terminato nel 1992 un'investigazione con un documento in cui si legge che: "Sembra che Bush non sia implicato in commerci interni illegali", aggiungendo che il memoriale "non deve in alcuno modo essere considerato come indicativo che la parte è stata assolta o che nessuna azione legale possa derivarne". [4]. I suoi detrattori affermano che l'investigazione è stata influenzata dal fatto che il padre di Bush era al momento Presidente degli USA, sebbene nessuna azione fosse avviata nemmeno durante la presidenza di Bill Clinton. Da presidente, Bush ha rifiutato di autorizzare la SEC a divulgare il rapporto intero dell'indagine.

Dopo aver lavorato alla campagna presidenziale di suo padre, Bush jr ha riunito un gruppo di partner tra gli stretti amici di suo padre e nel 1989 acquistò i Texas Rangers, una squadra di baseball della Major League Baseball con sede ad Arlington, in Texas (in seguito Bush nominò uno di questi partner, Tom Schieffer, ambasciatore in Australia). I critici espressero dubbi sulla trasparenza di questo acquisto, indicando l'uso dell'influenza politica ed il favoritismo nei confronti di un amico di famiglia. [5] Bush guadagnò personalmente 14,9 milioni di dollari nella vendita della squadra nel 1998 (il guadagno totale della vendita fu di 170 milioni di dollari). [6]

George W. Bush ha svolto la funzione di partner amministrativo generale dei Rangers fino a quando fu eletto Governatore del Texas l'8 novembre 1994, sconfiggendo il candidato democratico Ann Richards. Nel 1998 divenne il primo governatore texano ad essere eletto per due volte consecutive e il suo comportamento durante lo svolgimento di quwsto compito gli fece guadagnare una buona immagine di leader. Tra le questioni che durante i suoi mandati, attirarono l'attenzione nazionale ed internazionale sullo stato di cui era governatore, ci fu l'uso nel Texas della pena di morte: Bush autorizzò l'uso della pena capitale per 152 criminali, ivi inclusa quella di Karla Faye Tucker.

Nella campagna presidenziale per le elezioni del novembre 2000, Bush promise, tra le altre cose, che gli organismi religiosi di beneficenza avrebbero potuto usufruire, su un piano di parità, di alcuni benefici: a) programmi federali di distribuzione di fondi; b) sconti sulle tasse c) uso di buoni scuola; d) attività di prospezione petrolifera nel Rifugio Nazionale della Fauna Artica (ANWR, un'area protetta di inestimabile valore conservazionistico) e degli approvvigionamenti per l'esercito degli Stati Uniti. In politica estera ha asserito di essere contrario all'uso delle forze armate statunitensi per esportare la democrazia all'estero.

Bush è divenuto presidente degli Stati Uniti d'America il 20 gennaio 2001 come vincitore di una delle più indecise elezioni nella storia statunitense, sconfiggendo il democratico vicepresidente Al Gore in 30 dei 50 Stati con una vittoria per poco in cinque collegi elettorali. Gore ha conseguito la maggioranza dei voti popolari con circa 540.000 preferenze su un totale 105 milioni di votanti: un margine quindi di mezzo punto percentuale. Era dal 1888 che un candidato alla presidenza, sconfitto in quanto a preferenze, risultasse eletto grazie ai voti del grandi elettori. Fu decisivo per Bush il vantaggio di circa 600 voti conseguito in Florida.

Il voto della Florida, che Bush conquistò per un pugno di voti, fu contestato aspramente dopo che furono espresse preoccupazioni riguardo a fughe ed irregolarità nel processo di voto e divenne oggetto di una serie di processi giudiziari. Dopo una decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti a metà dicembre in favore di Bush, Gore ha riconosciuto la validità dell'elezione che lo vedeva sconfitto. I risultati dell'elezione sono ancora contestati da molti osservatori, anche se non è stata avviata alcuna azione giudiziaria in merito.

Il mandato presidenzale 2001-2008

Politica estera e di sicurezza

George W. Bush affiancato dalla moglie Laura Bush, Marta Sahagún Fox, il presidente messicano Vicente Fox
George W. Bush affiancato dalla moglie Laura Bush, Marta Sahagún Fox, il presidente messicano Vicente Fox

In campagna elettorale, il programma di politica estera di Bush prevedeva un forte sostegno economico e politico all'America Latina, specialmente al Messico, e una riduzione dei coinvolgimenti statunitensi in azioni militari di esportazione della democrazia e di altre attività militari. Tuttavia, dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001, l'amministrazione ha cambiato registro e si è concentrata soprattutto sulla questione mediorentale.

Poco tempo dopo gli attacchi è stata avviato l'intervento contro l'Afghanistan per abbattere il regime talebano, accusato di ospitare il terrorista arabo Osama bin Laden. L'azione ha avuto un forte appoggio internazionale e il governo talebano è caduto poco dopo l'invasione. Tuttavia i successivi tentativi di ricostruzione del paese, in collaborazione con le Nazioni Unite, sotto la direzione di Hamid Karzai si sono rivelati problematici e Bin Laden non è mai stato catturato o considerato morto. Un ampio contingente di truppe e di osservatori rimane tutt'oggi in Afghanistan nella speranza di formare un governo democratico, obiettivo più volte proclamato essenziale da parte dell'amministrazione Bush.

Nel marzo 2003, dopo una lunga contesa circa la necessità di procedere al disarmo del regime iracheno, gli USA hanno dichiarato guerra all'Iraq per spodestare il dittatore Saddam Hussein, accusato di possedere armi di distruzione di massa e di appoggiare il terrorismo internazionale. La guerra ha scatenato un'infinità di polemiche, con alcuni degli alleati tradizionali statunitensi - come la Francia e la Germania - fortemente contrari, ed è stata oggetto di numerose proteste in tutto il mondo. Successivamente, con l'approvazione da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, Bush è riuscito a raccogliere una "coalizione di volenterosi" che includeva paesi come l'Italia, la Spagna, la Polonia e la Gran Bretagna.
I problemi riscontrati nell'occupazione, la mancata attuazione della promessa di restaurare la democrazia nel paese, l'impossibilità di ritrovare la benché minima traccia delle armi di distruzione di massa di Saddam e le accuse di aver falsificato le informazioni necessarie per convincere l'opinione pubblica statunitense e quella internazionale della necessità assoluta di entrare in guerra, hanno fatto perdere una parte del sostegno all'amministrazione Bush, sia all'interno che all'estero. Queste accuse sono state sostenute dalle investigazioni e rapporti della commissione d'inchiesta appositamente costituita dal Senato. Nonostante ciò, Bush sostiene che entrare in guerra è stata comunque una buona decisione e che un brutale tiranno è stato comunque spodestato, così da non poter più minacciare il mondo libero.

Il 14 dicembre 2001, Bush si è ritirato dal Trattato anti missili balistici (ABM) del 1972 che era stato una roccaforte della stabilità nucleare sovietico-statunitense durante la Guerra Fredda, ritenendo non fosse più rilevante. Al suo posto Bush ha programmato di impegnare risorse necessarie a dar vita a un nuovo sistema di difesa dai missili balistici intercontinentali. Il sistema è stato oggetto di vivace critica da parte degli ambienti scientifici e gli esperimenti sul campo sono stati costellati sia di successi che di fallimenti. Il progetto dovrebbe cominciare ad essere attuato nel 2005 e in proposito Bush ha incrementato i finanziamenti per sistemi di armamento militare.

Durante la sua prima visita presidenziale in Europa nel giugno 2001, Bush è stato fortemente criticato dai leader europei per il suo rifiuto di aderire al protocollo di Kyoto, che prevede la riduzione nelle emissioni di anidride carbonica nell'atmosfera, che contribuiscono al riscaldamento globale del pianeta. Il trattato è stato respinto dal Senato con la motivazione che esso avrebbe risparmiato paesi in via di sviluppo, come la Cina. Il Trattato è stato ratificato nel 2005, quando la Russia lo ha ratificato consentendone l' entrata in vigore. Ciò lascia gli Stati Uniti, paese al mondo col più alto grado di emissioni nocive nell'atmosfera, in una posizione politica sfavorevole al momento dell'applicazione del Trattato stesso.

L'imposizione di tasse sull'acciaio importato e sul legname leggero canadese è stata contestata a causa dell'impegno dell'amministrazione Bush a favore del libero mercato ed ha attirato critiche sia da parte dei suoi amici conservatori che dalle nazioni sfavorite. La tassa sull'acciaio fu in seguito eliminata grazie alle pressioni effettuate dalL'OMC.

Nel luglio 2002, Bush ha tagliato tutti i fondi al Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA) asserendo che l'UNFPA sosteneva l'aborto praticato e la sterilizzazione in Cina.

La politica estera di Bush è influenzata dal movimento neoconservatore Project for the New American Century, molti dei cui membri hanno incarichi importanti nell'amministrazione Bush. Molti ritengono che l'amministrazione sia molto più ispirata dalla Heritage Foundation e in maniera minore dall'Istituto Cato, anche se queste organizzazioni non hanno rappresentanti nella sua amministrazione.

Un altro aspetto controverso è la decisione di Bush di non ratificare il trattato che istituisce la Corte penale internazionale.

Politica interna

George W. Bush ai pompieri il 4 novembre 2003 e il neoeletto governatore della California Arnold Schwarzenegger e il Gov. Gray Davis ascoltano.
George W. Bush ai pompieri il 4 novembre 2003 e il neoeletto governatore della California Arnold Schwarzenegger e il Gov. Gray Davis ascoltano.

Il presidente ha sostenuto la necessità di approvare un emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti in favore del solo matrimonio tra uomo e donna, cosa che bandirebbe i matrimoni gay ma lascerebbe la possibilità di unioni civili. Bush tende ad opporsi alla discriminazione dell'omosessualità, ma ha espresso il suo apprezzamento sul giudizio della Corte Suprema di controllare la selezione dei candidati ai college per mantenere la diversificazione fra i sessi. Sebbene Bush abbia già incontrato la National Urban League, una delle più famose organizzazioni americane per i diritti civili, egli è il primo presidente a non aver incontrato l'Associazione Nazionale per l'Avanzamento della Gente di Colore (NAACP) dai tempi di Herbert Hoover.

Il presidente Bush ha applicato tre tagli alle tasse che hanno eliminato la "penalizzazione per matrimonio" e la "tassa sulla morte" e ridotto le aliquote di tasse marginali. Queste riduzioni sono state approvate dal Congresso con larghe maggioranze di ambo i partiti, ma furono in seguito criticate come donazioni regressive. Bush ha sostenuto la privatizzazione parziale della Previdenza sociale nazionale, in modo che ogni individuo possa essere libero di investire una parte delle sue tasse per la previdenza in fondi pensionistici privati.

Nel 2006 Bush ha firmato il "Medicare Act", una legge che ha introdotto un programma di prescrizione di medicinali in base al sistema Medicare, oltre a elargire sussidi a compagnie famaceutiche che vendono queste medicine e contemporaneamente a vietare ai governi federali di negoziare sconti con le industrie farmaceutiche.

Dei 2400 miliardi di dollari di budget del 2005, circa 401 miliardi[7] sono destinati alla difesa. Tale livello è in linea di massima paragonabile alle spese di difesa durante la guerra fredda. [8]

Bush si incontra con il suo Gabinetto. (2001)
Bush si incontra con il suo Gabinetto. (2001)

Nel gennaio 2003 Bush ha firmato il "No Child Left Behind" Act, una legge che si concentra sul sostegno all'apprendimento dei giovani, misura il rendimento degli studenti, rifinanzia le scuole in difficoltà ed assicura più risorse per le scuole. I critici dicono che alle scuole non sono state date risorse la legge fino a che non saranno sufficientemente finanziati. [9]

Gli scienziati hanno ripetutamente criticato l'amministrazione Bush per la riduzione di fondi per la ricerca scientifica, le restrizioni nella ricerca sulle cellule staminali, l'ignorare l'opinione scientifica su problemi critici come il riscaldamento globale e l'ostacolo alla cooperazione con scienziati stranieri mediante l'applicazione deterrente di pratiche burocratiche di immigrazione e la concessione di visti. Nel febbraio 2004, circa 5000 scienziati (compresi 48 premi Nobel) hanno firmato una petizione contraria all'uso fatto dall'amministrazione Bush dei consigli scientifici. Hanno sostenuto che "l'amministrazione Bush ha ignorato i pareri imparziali espressi dai consigli scientifici su tematiche importanti per il nostro benessere comune". [10] [11][12].
La politica ambientale di Bush è stata largamente criticata dagli ambientalisti, secondo i quali la sua politica agevola le richieste dell'industria di diminuire le protezioni ambientali.

I ministri del Governo Bush

Il gabinetto ministeriale di Bush comprende il più grande numero di minoranze etniche di tutti i gabinetti federali fino ad oggi ed include i primi due segretari di gabinetto di origine asiatica. Secondo il Guinness dei primati, è anche il più opulento gabinetto di tutti i tempi.
Il Ministro dei Trasporti Norman Mineta, il primo segretario di gabinetto asiatico-americano, è stato in precedenza Ministro del Commercio sotto Bill Clinton; è l'unico democratico nel gabinetto Bush.

Il governo include (o ha incluso) figure molto in vista nelle passate amministrazioni repubblicane, in particolare Colin Powell che era Consigliere per la Sicurezza nazionale sotto Ronald Reagan e Capo di Stato maggiore dell'esercito sotto George H. W. Bush, e il Ministro della Difesa Donald Rumsfeld, che ha avuto lo stesso incarico sotto Gerald Ford.

 
INCARICO NOME MANDATO
 
Presidente George W. Bush 2001—
Vice Presidente Dick Cheney 2001—
 
Segretario di Stato Colin Powell 2001–2005
  Condoleezza Rice 2005—
Difesa Donald Rumsfeld 2001—
Tesoro Paul H. O'Neill 2001–2003
  John W. Snow 2003—
Giustizia John D. Ashcroft 2001–2005
  Alberto R. Gonzales 2005—
Interni Gale A. Norton 2001—
Agricoltura Ann M. Veneman 2001–2005
  Mike Johanns 2005—
Commercio Donald L. Evans 2001–2005
  Carlos M. Gutierrez 2005—
Lavoro Elaine L. Chao 2001—
HHS Tommy G. Thompson 2001–2005
  Michael O. Leavitt 2005—
HUD Melquiades R. Martinez 2001–2003
  Alphonso R. Jackson 2004—
Trasporti Norman Y. Mineta 2001—
Energia E. Spencer Abraham 2001–2005
  Samuel W. Bodman 2005—
Educazione Roderick R. Paige 2001–2005
  Margaret Spellings 2005—
Affari dei Veterani Anthony J. Principi 2001–2005
  James Nicholson 2005—
Sicurezza della Patria Thomas J. Ridge 2003–2005
  Michael Chertoff 2005—

Altri consiglieri e funzionari dell'ufficio del Presidente

Tra le nomine più criticate troviamo quelle di John Negroponte, Elliott Abrams, Otto Reich e John Poindexter per i loro ruoli nello scandalo "Iran Contra Connection" e per le accuse di aver occultato gli abusi ai diritti umani in America centrale e meridionale. In più alcune nomine sono state sospettate di nepotismo, inclusa quella di Michael Powell (figlio del segretario di Stato Colin Powell) come presidente della FCC, il ventottenne J. Strom Thurmond Jr (figlio del senatore Strom Thurmond) come procuratore della South Carolina, Eugene Scalia (figlio di Antonin Scalia della Suprema Corte di Giustizia) come procuratore del Dipartimento del Lavoro, Janet Rehnquist (figlia del Capo della Suprema Corte di Giustizia William Rehnquist) come Ispettore Generale del Dipartimento della Salute e Servizi Umani (in seguito licenziata per vicende relative tra l'altro ad armi da fuoco), e Elizabeth Cheney (figlia del vicepresidente Dick Cheney) alla nuova posizione di Vice Assistente Segretario di Stato per gli affari del Vicino Oriente.

Attività legislativa del governo

Lista parziale (i titoli delle leggi sono in lingua originale):

Opinione pubblica e consensi

Incontro tra Bush, Sharon e Mahmoud Abbas
Incontro tra Bush, Sharon e Mahmoud Abbas

Nel periodo di crisi nazionale seguito agli attacchi dell'11 settembre 2001, Bush godette per un breve periodo di consensi superiori all'85 per cento. Per alcuni mesi dopo l'attacco, Bush mantenne questi risultati eccezionali (i consensi più alti per un presidente da quando sondaggi regolari cominciarono ad essere effettuati nel 1938), ma poi gradualmente essi sono scesi a livelli più bassi.

Durante le elezioni per il Congresso tenutesi a metà del mandato presidenziale, nel 2002, Bush ottenne il più alto livello di consensi in elezioni di mezzo termine dai tempi di Dwight Eisenhower e di conseguenza il Partito Repubblicano riprese il controllo del Senato e aumentò la sua maggioranza nella Camera dei Rappresentanti. Questi risultati hanno segnato una deviazione insolita rispetto alla tendenza per il partito del Presidente di perdere seggi al Senato durante elezioni di metà mandato, e fu solo la terza volta dalla Guerra di secessione americana che il partito che controllava la Casa Bianca ha guadagnato seggi in entrambi i rami del parlamento statunitense (le altre occasioni furono nel 1902 e nel 1934). Una spiegazione di questo evento storico è che la popolarità di Bush nel periodo di guerra ha giovato anche agli altri repubblicani candidati alle elezioni. Un'altra è che i risultati straordinariamente vicini al pareggio nell'elezione del 2000 hanno complicato le aspettative rispetto alle linee tendenziali storiche.

Nel 2003, i consensi per Bush continuarono la loro lenta discesa dalle vette raggiunte nel 2001: i risultati di 13 sondaggi principali erano concordi nell'indicare un calo decisamente costante dell'1,7% al mese per l'intera durata della sua presidenza, con l'eccezione di tre significativi momenti di crescita: subito dopo l'11 settembre, durante la guerra in Iraq, e dopo la cattura di Saddam Hussein. Verso la fine del 2003, le percentuali dei consensi si aggiravano intorno al 50-55%. Tuttavia, i consensi rimasero ancora solidi durante il terzo anno della Presidenza, quando, come di norma, gli avversari del Presidente iniziarono sul serio ade effettuare le loro campagne di critica. La maggior parte dei sondaggi mostrava una correlazione tra il calo dei consensi e una crescente preoccupazione sull'andamento dell'occupazione dell'Iraq guidata dagli USA, oltre al lento recupero dell'economia dalla recessione del 2001. Verso la fine delle primarie dei Democratici, la maggior parte dei sondaggi principali mostrava Bush sconfitto per un leggero margine dai vari sfidanti democratici. I sondaggi del maggio 2004 mostravano risultati incerti - dal 53 per cento di consensi [14] al 46 per cento [15]. Grafici compositi e datati dei consensi per Bush dal gennaio 2001 al maggio 2004 sono disponibili a [16] e [17], mentre un'analisi della popolarità di G. W. Bush's nel corso degli anni è disponibile a [18].

George W. Bush è stato oggetto sia di grande apprezzamento che di forti critiche ed è stato chiamato il presidente "love him or hate him" ("o lo ami o lo odi" — ossia, senza vie di mezzo). Le lodi nei suoi confronti si sono concentrate su materie come l'economia, la sicurezza interna e specialmente la sua leadership dopo gli attacchi dell'11 settembre; le critiche vertono invece sull'economia, le controverse elezioni presidenziali del 2000 e l'occupazione dell'Iraq.

I suoi detrattori, oltre ad attaccarlo sul piano politico, sono non raramente arrivati a metterne in dubbio la salute mentale. I documentari di Michael Moore rappresentano spesso Bush come una persona con la psicologia di un adolescente o di un bambino, incapace di prendere decisioni in modo autonomo e di decifrare correttamente il mondo intorno a sé. Molto diffuse su Internet e altri media sono anche le raccolte di "bushismi", frasi di Bush che dimostrerebbero problemi nell'uso del linguaggio o gravi lacune culturali.

Al di fuori degli Stati Uniti

Il Presidente Bush e il Presidente francese Jacques Chirac durante le sessioni del G8, 21 luglio 2001.
Il Presidente Bush e il Presidente francese Jacques Chirac durante le sessioni del G8, 21 luglio 2001.

La popolarità di Bush al di fuori degli Stati Uniti è solitamente più bassa. È decisamente impopolare in molte parti del mondo, dove molti criticano la sua personalità e politica estera. L'invasione dell'Iraq gli attirò in particolare accuse di unilateralismo. Sondaggi recenti indicano un'erosione del sostegno per Bush tra gli europei, per esempio una caduta di consenso dal 36% al 16% nel corso dello scorso anno in Germania. [19]

Secondo un sondaggio più ampio condotto da Associated Press/Ipsos nei paesi industrializzati, la maggioranza delle persone in Francia, Italia, Germania, Messico, Spagna - oltre a Canada e Gran Bretagna, dove esiste ancora una tradizione di cooperazione anglo-americana - ha un'opinione sfavorevole di Bush e della sua politica estera, sebbene delle minoranze mantengano opinioni favorevoli. [20]

Nei Paesi musulmani la percentuale di opinioni sfavorevoli a Bush è particolarmente alta, spesso sopra il 90%.[21] Tra le nazioni non-statunitensi sondate in una ricerca mondiale, la popolarità di Bush raggiunge i livelli più alti in Israele, dove il 62% esprime opinioni a lui favorevoli. [22]

Secondo un sondaggio condotto in luglio e agosto del 2004 dall'University of Maryland e da GlobeScan su 34.330 persone in 35 nazioni, in 30 di questi 35 paesi, una maggioranza relativa o assoluta preferirebbe che fosse il candidato democratico John Kerry a vincere le elezioni del 2004. Kerry è stato nettamente preferito a Bush nelle nazioni europee tradizionalmente alleate degli Stati Uniti come la Norvegia (74% per Kerry, 7% per Bush), la Germania (74% contro 10%), la Francia (64% contro 5%), i Paesi Bassi (63% contro 6%), l'Italia (58% contro 14%), la Spagna (45% contro 7%) e la Gran Bretagna (47% contro 16%). Risultati simili anche per altri alleati come il Giappone (43% contro 23%), il Messico (38% contro 18%), la Turchia (40% contro 25%) e il Sudafrica (43% contro 29%). Le uniche nazioni in cui il presidente Bush otteneva le preferenze della maggioranza erano le Filippine, la Nigeria e la Polonia. L'India e la Thailandia erano divise.[23] Un sondaggio condotto nell'ottobre del 2004 [24] da un gruppo di testate giornalistiche internazionali indica che in Australia, Gran Bretagna, Canada, Francia, Giappone, Spagna e Corea del Sud, una maggioranza di elettori esprime opposizione all'invasione dell'Iraq, dissenso verso l'amministrazione Bush e una crescente ostilità verso gli Stati Uniti; tuttavia, anche chi si oppone apertamente alla politica del governo Bush non esprime antipatia per il popolo americano.

Ulteriori letture

  • George W. Bush, A Charge to Keep, (1999) ISBN 0688174418
  • George W. Bush, We Will Prevail, (2003) ISBN 0826415520
  • Ronald Kessler, A Matter Of Character: Inside The White House Of George W. Bush, Penguin, USA, August, 2004, hardcover, 320 pages, ISBN 1595230009
  • David Frum, The Right Man, (2003) ISBN 0375509038 ISBN 0812966953
  • Robert Bryce, Cronies: Oil, The Bushes, and the Rise of Texas, America's Superstate, PublicAffairs, ISBN 1586481886
  • Bob Woodward, Bush At War, (2002) ISBN 0743244613
  • Bob Woodward, Plan of Attack, (2004) ISBN 074325547X
  • K. Auletta (January 19, 2004). Fortress Bush: How the White House Keeps the Press Under Control, The New Yorker, LXXIX, 53.
  • Bill Sammon, Fighting Back: The War on Terrorism from Inside the Bush White House, (2002) ISBN 0895261499
  • B. Minutaglio, First Son: George W. Bush and the Bush Family Dynasty (1999) ISBN 0609808672
  • Stephen Mansfield, The Faith of George W. Bush, (2003) ISBN 1585423092
  • M. Ivins and L. Dubose, Shrub: The Short but Happy Political Life of George W. Bush (2000) ISBN 0375503994
  • Ian Williams, Deserter: George Bush's War on Military Families, Veterans, and His Past ISBN 1560256273
  • E. Mitchell, W: Revenge of the Bush Dynasty (2000) ISBN 0786866306
  • H. Gillman, The Votes That Counted: How the Court Decided the 2000 Presidential Election (2001) ISBN 0226294080
  • J. H. Hatfield, Fortunate Son: George W. Bush and the Making of an American President (1999) ISBN 1887128840
  • Ben Fritz, Bryan Keefer & Brendan Nyhan, All the Presidents Spin: George W. Bush, the Media, and the Truth (2004) ISBN 0743262514
  • Craig Unger, House of Bush, House of Saud: The Secret Relationship Between the World's Two Most Powerful Dynasties ISBN 074325337X
  • Bill Sammon, Misunderestimated: The President Battles Terrorism, John Kerry, and the Bush Haters (2004) ISBN 0060723831

Voci correlate

Collegamenti esterni

Trascrizioni

Wikiquote riporta una collezione di aforismi o citazioni su George W. Bush.

Siti ufficiali

Siti di informazione

Presidenti degli Stati Uniti d'America
Predecessore: Bill Clinton (2001-) Successore: - Sigillo del Presidente degli Stati Uniti d'America
Washington | J. Adams | Jefferson | Madison | Monroe | J.Q. Adams | Jackson | Van Buren | W.H. Harrison | Tyler | Polk | Taylor | Fillmore | Pierce | Buchanan | Lincoln | A. Johnson | Grant | Hayes | Garfield | Arthur | Cleveland | B. Harrison | Cleveland | McKinley | T. Roosevelt | Taft | Wilson | Harding | Coolidge | Hoover | F.D. Roosevelt | Truman | Eisenhower | Kennedy | L.B. Johnson | Nixon | Ford | Carter | Reagan | G.H.W. Bush | Clinton |
Nomination alle Presidenziali per il Partito Repubblicano USA Republican Party
Frémont | Lincoln | Grant | Hayes | Garfield | Blaine | Harrison | McKinley | Roosevelt | Taft | Hughes | Harding | Coolidge | Hoover | Landon | Willkie | Dewey | Eisenhower | Nixon | Goldwater | Nixon | Ford | Reagan | G.H.W. Bush | Dole |



LA RIVISTA
SALVA-INGLESE!

  1. Perché è utile
  2. Leggi il n. 1 gratis!
  3. Acquista gli arretrati
  4. Cosa dicono i lettori
  5. Il  metodo

 


 

 

 

 

 ------------------------------------------------