HOME CORSO DI INGLESE DI BASE 20 ORE READSPEAKER READSPEAKER ON DEMAND
RIVISTA ENGLISH4LIFE
ENGLISH4LIFE ONLINE ABBONAMENTI FORMULA 4-5-6-7
 Multiblog Grammatica inglese • Daisy Stories Arranger Stories
Il Blog di Daisy
Studia l'inglese con noi Risorse sfiziose Testi paralleli (Wikipedia) Testi paralleli (altri) Testi paralleli di Beppe Grillo Testi paralleli di Antonio Di Pietro The West Family Classici in inglese
Wikibooks
Corso di inglese di base Metodo Casiraghi-Jones Come studiare Tips Risposte Articoli in italiano Enciclopedia
Tutto Corsi Inglesi Certificazioni I buoni acquisti


 

TUTTI GLI ARTICOLI

  1. Abbazia di Westminster

  2. Abramo Lincoln

  3. Adrienne Corri

  4. Aeroporto di Londra - Heathrow

  5. Alabama

  6. Alan Parker

  7. Alaska

  8. Aldous Huxley

  9. Alec Guinness

  10. Alexander Korda

  11. Alfred Hitchcock

  12. Amleto

  13. Amnesty International

  14. Andrew Lloyd Webber

  15. Angela Lansbury

  16. Angli

  17. Anglicanesimo

  18. Angus Beef

  19. Anna Friel

  20. Anthony Hopkins

  21. Assassinio sull'Orient Express

  22. Aston Martin

  23. Attentati del 7 luglio 2005 a Londra

  24. Atto di Unione

  25. Audrey Hepburn

  26. Austin Powers

  27. Australia

  28. Basic English

  29. Batman

  30. Battaglia di Camlann

  31. Battaglia d'Inghilterra

  32. Beda il venerabile

  33. Belfast

  34. Believe - Album di Cher

  35. Benjamin Britten

  36. Benjamin Franklin

  37. Bertrand Russell

  38. Beverly Hills

  39. Bill Gates

  40. Bing Crosby

  41. Blaxploitation

  42. Bloomsbury

  43. B-Movie

  44. Book of Common Prayer

  45. Boris Karloff

  46. Boston

  47. Brenda Blethyn

  48. Brian Eno

  49. Brighton

  50. British Airway

  51. British Museum

  52. Brit Pop

  53. Broadway

  54. Buckingham Palace

  55. California

  56. Cambridge

  57. Camera dei Comuni

  58. Camera dei Lord

  59. Canada

  60. Cancelliere dello Scacchiere

  61. Carlo, principe del Galles

  62. Carnaby Street

  63. Carol Reed

  64. Casa bianca

  65. Casa degli Stuart

  66. Casa Windsor

  67. Cattedrale di St. Paul

  68. Cerimonie dei Premi Oscar

  69. Charing Cross

  70. Charles Darwin

  71. Charles Dickens

  72. Charles Kennedy

  73. Charles Laughton

  74. Charlie Chaplin

  75. Charlotte Brontë

  76. Chaucer

  77. Cher

  78. Chiesa Scientista

  79. Christian Bale

  80. Christopher Eccleston

  81. Christopher Isherwood

  82. Christopher Wren

  83. Chuck Berry

  84. Cime tempestose

  85. City of London

  86. City of Westminster

  87. Claire Forlani

  88. Clark Gable

  89. The Clash (gruppo pop)

  90. Coldplay

  91. Colonna di Nelson

  92. Commonwealth delle nazioni

  93. Condoleezza Rice

  94. Cornovaglia

  95. Cranberries

  96. David Beckham

  97. David Bowie

  98. David Bradley

  99. David Hemmings

  100. David Lean

  101. David Lloyd George

  102. David Souchet

  103. David Yates

  104. Dean Martin

  105. Derbyshire

  106. Derek Jacobi

  107. Derek Jarman

  108. Dialetto inglese americano

  109. Diana Spencer

  110. Dichiarazione d'indipendenza degli Stati Uniti d'America

  111. Dinastia Tudor

  112. Dirk Bogarde

  113. Disneyland Resort

  114. Doctor Who

  115. Downing Street

  116. Dublino

  117. Edgar Allan Poe

  118. Edoardo il Confessore

  119. Edoardo VIII

  120. Elisabetta II

  121. Elvis Presley

  122. EMI

  123. Emily Brontë

  124. Eric Campbell

  125. Ethelbert del Kent

  126. Eton College

  127. Eurotunnel

  128. Ezra Pound

  129. Falsi amici

  130. Fitzwilliam Museum di Cambridge

  131. Florence Nightingale

  132. Forrest Gump

  133. Francis Bacon, filosofo

  134. Franklin Delano Roosevelt

  135. Frank Sinatra

  136. Frank Zappa

  137. Galles

  138. Gangsta Rap

  139. Geografia dell'Irlanda

  140. George Bernard Shaw

  141. George Eliot

  142. George Gershwin

  143. George Harrison

  144. George Martin

  145. George Michael

  146. George Orwell

  147. George Washington

  148. George Bush

  149. Gibilterra

  150. Giorgio III

  151. Giorgio VI

  152. Giovanni Senzaterra

  153. Glastonbury

  154. Glastonbury Festival

  155. Globe Theater

  156. Glossario di falsi amici

  157. Gloucesterhire

  158. Gordon Brown

  159. Grace Kelly

  160. Gran Bretagna

  161. Grande incendio di Londra

  162. Grande Londra

  163. Grandi speranze

  164. Greater Manchester

  165. Greenwich Village

  166. The Guardian (quotidiano inglese)

  167. Guernsey

  168. Guerra civile inglese

  169. Guerra delle Falklands

  170. Guerra di indipendenza americana

  171. Guerra di secessione americana

  172. Guy Fawkes

  173. Guy Ritchie

  174. Hanna e Barbera

  175. Harry Potter

  176. Harry S. Truman

  177. Helena Bonham Carter

  178. Henry Fielding

  179. Herbert Spencer

  180. Herefordshire

  181. Historia Ecclesiastica Gentis Anglorum

  182. Horatio Nelson

  183. How clean is your house

  184. H. P. Lovecraft

  185. Hugh Grant

  186. IANA - Internet Assigned Numbers Authority

  187. Ian Fleming

  188. Ian Hart

  189. Ian Holm

  190. ICANN

  191. I due gentiluomini di Verona (commedia di Shakespeare)

  192. Illinois

  193. Il mercante di Venezia

  194. Impero Britannico

  195. Nuova pagina 102

  196. Independence Day

  197. Indymedia

  198. Inghilterra

  199. Inghilterra vittoriana

  200. Inglese antico

  201. International Herald Tribune

  202. Ira Gershwin

  203. Irlanda del Nord

  204. Irving Berlin

  205. Isola di Man

  206. Isola d'Irlanda

  207. Isole britanniche

  208. Isole Falkland

  209. Isole Marianne settentrionali

  210. Jack Nicholson

  211. James Bond

  212. James Cook

  213. James Joyce

  214. James Stewart

  215. Jamie Bell

  216. Jane Birkin

  217. Jane Eyre (romanzo)

  218. Jason Isaacs

  219. Jeremy Irons

  220. Jersey

  221. Jimmy Wales (fondatore di Wikipedia)

  222. Jim Sheridan

  223. Joan Fontaine

  224. Joanne Rowling

  225. John Constable

  226. John Dryden

  227. John F. Kennedy

  228. John Ford

  229. John Gielgud

  230. John Henry Newman

  231. John Huston

  232. John Lennon

  233. John Locke

  234. John Maynard Keynes

  235. John Profumo

  236. John Stuart Mill

  237. John Wayne

  238. Julie Andrews

  239. Kansas

  240. Keira Knightley

  241. Ken Loach

  242. Kenneth Branagh

  243. Ku Klux Klan

  244. La bisbetica domata

  245. La commedia degli errori

  246. La dodicesima notte

  247. La fattoria degli animali (romanzo)

  248. Las Vegas

  249. La tempesta

  250. La terra desolata (poesia)

  251. Laurence Olivier

  252. Le allegre comari di Windsor

  253. Leicestershire

  254. Leonardo Di Caprio

  255. Leslie Howard

  256. Letteratura vittoriana

  257. Letterature in inglese

  258. Leviatano

  259. Liberaldemocrats

  260. Licensing act

  261. Limerick

  262. Lingua gallese

  263. Lingua inglese

  264. Lingua inglese di Scozia

  265. Lingua irlandese

  266. Lingua mannese

  267. Lingua scozzese

  268. Lista dei re del Kent

  269. Liverpool

  270. Londra

  271. L'origine delle specie (saggio)

  272. Los Angeles

  273. Macbeth

  274. Madame Tussauds (museo)

  275. Magna Charta (storia)

  276. Maine (stato americano)

  277. Manchester United

  278. Manhattan

  279. Manica (geografia)

  280. Mar d'Irlanda

  281. Mare del Nord

  282. Margaret Thatcher

  283. Marlon Brando

  284. Martin Feldman

  285. Merseyside

  286. Metro Goldwin Mayer

  287. Michael Caine

  288. Michael Collins (patriota irlandese)

  289. Mick Jagger

  290. Microsoft

  291. Midlands Occidentali

  292. Mike Leigh

  293. Molto rumore per nulla

  294. Montagne rocciose

  295. Monty Python

  296. Monty Python's Flying Circus

  297. Mormoni

  298. Musica Rap

  299. N.A.S.A.

  300. Nasdaq

  301. National Gallery di Londra

  302. Neil Armstrong

  303. Nevada

  304. New England (stato USA)

  305. Noel Coward

  306. Northumberland

  307. Oasis

  308. Oceano Atlantico

  309. Oceano Pacifico

  310. Oklahoma

  311. Old Trafford

  312. Oliver Cromwell

  313. Olivia de Havilland

  314. Olivia Hussey

  315. Orlando Bloom

  316. Oscar Wilde

  317. Otello

  318. Ottawa

  319. Oxford

  320. Partito conservatore (Tories)

  321. Partito Democratico (USA)

  322. Partito Laburista (Labour)

  323. Patsy Kensit

  324. Paul Bettany

  325. Paul McCartney

  326. Paul Simon

  327. Pennsylvania

  328. Percy Bysshe Shelley

  329. Pete Best

  330. Peter Brook

  331. Peter Cushing

  332. Peter Greenaway

  333. Peter Pan

  334. Peter Sellers

  335. Peter Ustinov

  336. Piccadilly Circus

  337. Plastic Ono Band

  338. Ponte di Brooklyin

  339. Premio Oscar

  340. Preraffaeliti inglesi

  341. Presidente degli Stati Uniti

  342. Principe Henry del Galles

  343. Progetto Apollo

  344. Prometeo liberato

  345. Pronuncia dell'inglese

  346. Provisional IRA

  347. Pulp Fiction

  348. Quentin Crisp

  349. Quentin Tarantino

  350. Reame del Commonwealth

  351. Re Artù

  352. Regioni dell'Inghilterra

  353. Regno del Kent

  354. Regno Unito

  355. Re Lear

  356. Repubblica d'Irlanda

  357. Rex Harrison

  358. Rhode Island

  359. Riccardo III (dramma di Shakespeare)

  360. Richard Attenborough

  361. Richard Burton

  362. Richard Griffiths

  363. Richard Nixon

  364. Ridley Scott

  365. Ringo Starr

  366. Rivoluzione Americana

  367. Rivoluzione industriale

  368. Robert Walpole

  369. Rock and Roll

  370. Romeo e Giulietta

  371. Rowan Atkinson

  372. Royal Botanic Gardens di Kew (Kew Gardens)

  373. Royal Navy

  374. Royal Shakespeare Company

  375. Royal society

  376. Rupert Everett

  377. Rupert Grint

  378. Salt Lake City

  379. San Diego

  380. San Patrizio

  381. Sarah Brightman

  382. Sassoni

  383. Scandalo Profumo

  384. Scientology

  385. Scooby-doo

  386. Scotland Yard

  387. Scozia

  388. Sean Connery

  389. Sex Pistols

  390. Shamrock

  391. Sherlock Holmes

  392. Shirley Henderson

  393. Shropshire

  394. Sidney

  395. Silicon Valley

  396. Simon e Garfunkel

  397. Simpson (cartoni animati)

  398. Sinn Fein

  399. Situation comedy (sitcom)

  400. Sogno di una notte di mezza estate

  401. Somerset

  402. Sorelle Brontë

  403. Southpark (cartoni animati)

  404. Space Shuttle Challenger

  405. Speaker's corner

  406. Spice Girls

  407. Stanford University

  408. Stati Confederati d'America

  409. Stati Uniti d'America

  410. Stephen King

  411. Stirling Moss

  412. Storia dell'Inghilterra

  413. Stratford-upon-Avon

  414. Sussex

  415. Swinging London

  416. Tamigi

  417. Tate Gallery di Londra

  418. Teatro elisabettiano

  419. Teletubbies

  420. Terence Fisher

  421. Terence Young

  422. Terry Pratchett

  423. That's my Bush

  424. The Beatles (album)

  425. Theodore Roosevelt

  426. Thomas Jefferson

  427. Thomas Malthus

  428. Thomas Stearns Eliot (poeta)

  429. Tim Curry

  430. The Times (quotidiano inglese)

  431. Tim Roth

  432. Titanic (film)

  433. Tom Baker

  434. Tom Felton

  435. Tony Blair

  436. Torre di Londra

  437. Total Request Live

  438. Tower Bridge

  439. Trafalgar Square

  440. Trentanove articoli di fede

  441. Tutto è bene quello che finisce bene

  442. Union Jack

  443. Università di Cambridge

  444. Università di Harvard

  445. Università di Oxford

  446. Uno studio in rosso (romanzo)

  447. US Marine Corps (marines)

  448. Vanessa Redgrave

  449. Victoria and Albert Museum

  450. Victoria Beckham

  451. Virginia

  452. Virginia Woolf

  453. La Regina Vittoria

  454. Vodafone

  455. Walt Disney

  456. Walt Disney Company

  457. Walt Disney World Resort

  458. Warwickshire

  459. Wembley

  460. Westminster Abbey

  461. Wham

  462. Wikipedia

  463. William Blake

  464. William Butler Yeats

  465. William Morris

  466. William Shakespeare

  467. William Turner

  468. Winston Churchill

  469. Wisconsin

  470. Woody Allen

  471. Wystan Hugh Auden (poeta)

  472. Yorkshire (regione inglese)
    GRAMMATICA

  473. Pronomi personali soggetto

  474. Pronomi personali complemento

  475. Appellativi di cortesia

  476. To be

  477. Usi particolari di to be

  478. Aggettivo qualificativo

  479. Nazionalità, paesi e continenti

  480. Nazionalità, aggettivi e sostantivi

  481. Età

  482. WH-questions 1

  483. WH-Questions 2

  484. Articolo determinativo e indeterminativo

  485. Sostantivo plurale

  486. Possesso e aggettivi possessivi

  487. Can

  488. C'è - Ci sono

  489. Aggettivi dimostrativi

  490. Preposizioni di stato in luogo

  491. Preposizioni di tempo: at, in, on

  492. Forme del verbo: Simple Present

  493. Imperativo

  494. Construzione dei verbi che esprimono gusti e preferenze

  495. Avverbi di frequenza

  496. Espressioni avverbiali di tempo

  497. Numeri cardinali

  498. L'ora

  499. Posizione del complemento oggetto e di termine

  500. Il Simple Past



Articolo tratto da: http://it.wikipedia.org/wiki/Elisabetta_II

ll presente articolo è autorizzato ai sensi della GNU Free Documentation License, vedi: http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html

Elisabetta II del Regno Unito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

(Redirect da Elisabetta II)
Casa Reale Britannica
Casa di Windsor

 
Giorgio V
Figli
   Principe Edward
   Principe George
   Principessa Mary, Principessa Reale
   Principe Henry, Duca di Gloucester
   Principe George, Duca di Kent
   Principe John
Nipoti
   Prince William of Gloucester
   Prince Richard, Duke of Gloucester
   Prince Edward, Duke of Kent
   Prince Michael of Kent
   Princess Alexandra of Kent
Edoardo VIII
Giorgio VI
Figli
   
   Principessa Margaret, Contessa di
   Snowdon
Figli
   Principe del Galles
   Principessa Reale
   Duca di York
   Conte di Wessex
Nipoti
   Principe William del Galles
   Principe Henry del Galles
   Principessa Beatrice di York
   Principessa Eugenie di York
   Lady Louise Windsor

Sua Maestà Britannica Elisabetta II (Elizabeth Alexandra Mary Windsor) (Londra, 21 aprile 1926) è primogenita dei duchi di York (suo padre diventerà re Giorgio VI del Regno Unito), ed è la Regina del Regno Unito oltre che di Antigua e Barbuda, Australia, delle isole Bahamas, delle Barbados, del Belize, del Canada, di Grenada, della Giamaica, della Nuova Zelanda, di Papua Nuova Guinea, di Saint Kitts e Nevis, di Santa Lucia, di Saint Vincent e Grenadine, delle Isole Salomone, e di Tuvalu.

Elisabetta II a Buckingham Palace
Elisabetta II a Buckingham Palace

Elisabetta II è anche capo del Commonwealth e governatore supremo della Chiesa Anglicana, Comandante in capo delle forze armate e Signora dell'Isola di Man. È salita al trono dal Regno Unito il 6 febbraio 1952 dopo la morte del padre ed è attualmente la sovrana che regna da più tempo dopo il re Rama IX di Thailandia.

Circa 125 milioni di persone nel mondo sono sudditi della regina Elisabetta. Il suo regno ha visto 10 primi ministri e decisamente ben più numerosi primi ministri e governatori degli stati del Commonwealth. È sposata con il principe Filippo, Duca di Edimburgo (già principe di Grecia) ed ha quattro figli. Il maschio primogenito ha il titolo di Principe di Galles ed è S.A.R. Carlo.

Indice

[nascondi]

Gioventù

Elisabetta è nata al n°17 di Bruton Street a Mayfair (Londra). Suo padre era S.A.R. principe Albert, Duca di York (poi Re Giorgio VI), figlio secondogenito del re Giorgio V del Regno Unito, e della Regina Maria. Sua madre era S.A.R. la duchessa di York (nata Lady Elizabeth Bowes-Lyon), figlia di Claude George Bowes-Lyon, 14° Conte di Strathmore and Kinghorne e della contessa di Strathmore. Le venne imposto il nome di sua madre, mentre i suoi due nomi successivi sono quelli rispettivamente della sua bisnonna paterna, la regina Alessandra di Danimarca e di sua nonna la Regina Mary.

Come bis-nipote del regnante britannico per la linea di discendenza maschile, ha ottenuto il titolo di principessa inglese Her Royal Highness, cioè "Sua Altezza Reale". Il suo nome per intero era S.A.R. Principessa Elisabetta di York. Alla nascita era la terza nella linea di successione al trono, preceduta da suo padre e da suo zio, Edoardo VIII del Regno Unito.

Educazione

La giovane principessa Elisabetta venne educata a casa con la supervisione di sua madre, la duchessa di York. La sua governante fu Marion Crawford, chiamata affettuosamente "Crawfie". Studiò storia con C. H. K. Marten, Prevosto del collegio di Eton, e le vennero insegnate alcune lingue moderne, come il francese (che la regina parla fluentemente), usato soprattutto per le sue visite in Canada e recentemente durante la visita in Francia nel 2004, in occasione del centenario dell'Entente Cordiale. La principessa venne avvicinata alla religione anglicana dall'arcivescovo di Canterbury. Anche ai giorni nostri la regina è una fervente credente della Chiesa d'Inghilterra (di cui è anche capo).

Erede al trono

Quando il padre divenne Re nel 1936 in seguito all'abdicazione dello zio Re Edoardo VIII, Elisabetta divenne erede al trono e fu quindi conosciuta come Sua Altezza Reale la Principessa Elisabetta. Aveva tredici anni quando scoppiò la Seconda guerra mondiale. La principessa e la sorella più giovane Principessa Margaret furono evacuate al Castello di Windsor, Berkshire. Ci furono dei suggerimenti affinché le principesse venissero mandate in Canada, ma la madre, la Regina, si rifiutò di prenderli in considerazione, dicendo, "Le bambine non potrebbero andarsene senza di me, io non me ne andrei senza il Re e il Re non se ne andrà in nessun caso". Nel 1940 la Principessa Elisabeth fece il suo primo annuncio radiofonico, indirizzandolo ad altri bambini che come lei erano stati evacuati.

Servizio Militare

Nel 1945 la principessa Elisabetta convinse il padre a consentirle di partecipare personalmente allo sforzo per la guerra. Si unì al Servizio Ausiliare Territoriale (Auxiliary Territorial Service) (o ATS) dove era conosciuta come N.230873 Secondo Subalterno Elisabetta Windsor, e venne addestrata come autista. Durante questo periodo di formazione fu per la prima volta a contatto con altri studenti. Si dice che lo abbia apprezzato molto e che questa esperienza l'abbia spinta a mandare i propri figli a scuola piuttosto che educarli a palazzo. È stata il primo (e fino al 2005 l'unico) membro femminile della famiglia reale che abbia effettivamente prestato servizio nell'esercito sebbene ad altre donne della famiglia siano stati dati gradi onorari.

Elisabetta compì la sua prima visita ufficiale oltremare nel 1947, allorchè accompagnò i genitori in Sudafrica. Al compimento del suo ventunesimo anno di età durante un discorso radiofonico indirizzato al Commonwealth Britannico e all'Impero Britannico, dichiarò che si sarebbe impegnata a dedicare la propria vita al servizio della gente del Commonwealth e dell'Impero.

Matrimonio e maternità

Elisabetta è sposata con il principe Filippo, Duca di Edimburgo dal 20 novembre 1947. Filippo è un lontano cugino di Elisabetta II: entrambi sono pro-pro-nipoti della regina Vittoria e diretti discendenti di Cristiano IX di Danimarca. Il principe Filippo inoltre è nipote di re Giorgio I di Grecia: prima del matrimonio Filippo dovette rinunciare alla pretendenza al trono di Grecia, e da allora fu chiamato semplicemente Tenente Filippo Mountbatten, sino a quando venne creato Duca di Edimburgo poco prima delle nozze. Questo matrimonio, benché non combinato, era perfettamente adeguato per un'erede femmina al trono, poiché Filippo era stato educato per i doveri del regnante.

Elisabetta II e Filippo di Edimburgo il giorno dell'incoronazione.
Elisabetta II e Filippo di Edimburgo il giorno dell'incoronazione.

Dopo le nozze i coniugi abitarono a Clarence House, in Londra. Il 14 novembre 1948 vide la luce il loro primo figlio, S.A.R. il principe Carlo di Edimburgo. Diverse settimane prima erano state emesse delle lettere patenti perché i figli della coppia potessero godere di diritti principeschi e reali, ai quali altrimenti non avrebbero avuto diritto. In caso contrario sarebbero stati considerati solo come figli di un duca. Elisabetta e Filippo ebbero quattro figli in tutto (v. sotto). Benché la casata reale si chiami Windsor, venne decretato a mezzo di un Order-in-Council del 1960 che i discendenti della Regina Elisabetta II e del Principe Filippo potessero portare il cognome personale di Mountbatten-Windsor.

Figli e nipoti

Successione

La salute di re Giorgio declinò vistosamente nel 1951 ed Elisabetta lo rappresentò in numerosi eventi pubblici e visite ufficiali: si recò infatti in Grecia, Italia e Malta. In ottobre dello stesso anno visitò il Canada e si recò a Washington dal presidente Truman. Nel gennaio 1952 Elisabetta e Filippo partirono per una lunga visita in Australia e Nuova Zelanda. E fu proprio durante una visita ufficiale (in Kenia) che venne avvisata della morte del padre, il 6 febbraio. Fu la prima monarca britannica dall'Atto di Unione del 1801 a trovarsi fuori dal Regno Unito al momento della successione al trono. L'albergo dove alloggiava la coppia reale, il "Treetops hotel" divenne un'attrazione turistica negli anni successivi. Sua Maestà Elisabetta II venne incoronata con una fastosa cerimonia a Westminster Abbey il 2 giugno 1953.

Vita da regina

Dopo l'Incoronazione, Elisabetta e Filippo si trasferirono a Buckingham Palace nel centro di Londra. Come molti dei suoi predecessori, tuttavia, si pensa che lei non ami risiedere nel palazzo e che consideri il Castello di Windsor, ad ovest di Londra, come la propria casa. Trascorre anche molto tempo al Castello di Balmoral in Scozia.

La Regina Elisabetta è il sovrano che ha viaggiato di più di tutti i tempi (davanti a Papa Giovanni Paolo II). Nel 195354 lei e Filippo fecero un viaggio per il mondo durato 6 mesi, diventando il primo monarca regnante a circumnavigare il mondo, e anche la prima a visitare Australia, Nuova Zelanda and Fiji. Nell' Ottobre 1957 lei fece una visita di stato agli Stati Uniti , e nel 1959 fece un viaggio in Canada. Nel 1961 visitò l'India ed il Pakistan per la prima volta. Ha effettuato visite di stato in gran parte dei paesi Europei e non. È presente regolarmente agli incontri dei Capi di Stato del Commonwealth.

Nel periodo in cui Elisabetta salì al trono, ci fu un gran parlare di una "nuova età Elisabettiana". Il ruolo di Elisabetta è quello di guidare la Gran Bretagna mentre il potere economico e militare veniva condiviso con un grascente numero di nazioni indipendenti. Mentre le nazioni si sono sviluppate economicamente e colturalmente, la regina Elisabetta ha assistito negli scorsi 50 anni, senza rancori alla graduale trasformazione dell'Impero Britannico nel suo moderno successore, il Commonwealth. Ha lavorato sodo per mantenere contatti coi precedenti possedimenti britannici e, in qualche caso, come nel Sudafrica, ha giocato un ruolo importante nello stabilire buoni rapporti.

Elisabetta ha idee conservatrici in materia di religione, moralità ed affari di famiglia. Ha un forte senso dei doveri religiosi e prende seriamente il giuramento della sua incoronazione. Questa è una ragione per cui è considerata improbabile la sua abdicazione. Come sua madre, biasimò Edoardo VIII per avere abbandonato il suo ruolo e obbligato suo padre a diventare re, cosa che pensava avesse accorciato la sua vita di parecchi anni. Usò l'autorità della sua posizione per impedire a sua sorella, principessa Margaret, di sposare un uomo divorziato, Peter Townsend. Per anni rifiutò di acconsentire alla relazione del figlio Carlo, principe del Galles con Camilla Parker-Bowles, duchessa di Cornovaglia.

Si crede che le vedute politiche di Elisabetta siano meno chiare (non ha mai detto o fatto niente in pubblico che potesse rivelarle). Conserva relazioni cordiali coi politici di tutti i partiti. Si crede che i sui Primi Ministri preferiti siano stati Winston Churchill, Harold Macmillan e Harold Winston. Tra i meno amati ci fu indubbiamente Margaret Thatcher, che ha detto di "detestare cordialmente". Si pensa che abbia avuto un buon rapporto con l'attuale Primo Ministro Tony Blair, durante i primi anni del suo ufficio; comunque, è diventato evidente negli ultimi periodi che i suoi rapporti con Blair si sono induriti. La regina pensa infatti che lui non la tenga sufficientemente informata riguardo agli affari di stato.

I soli argomenti pubblici sui quali la regina rende pubbliche le sue opinioni sono quelli riguardanti l'unità dei suoi regni, inclusi Canada e Regno Unito. Ha parlato in favore della continua unione di Inghilterra e Scozia, facendo irritare alcuni Nazionalisti scozzesi. I suoi discorsi di lode per l'Irlanda del Nord Good Friday Agreement hanno sollevato alcune lamentele da parte di alcuni Unionisti nel Partito Unionista Democratico che si oppose all'intesa. Poi, anche se non parlando direttamente contro la Sovranità del Quebec in Canada, ha pubblicamente lodato l'unità del Canada e espresso il suo desiderio di continuare a vedere un Canada unito.

Nonostante una serie di controversie sugli altri membri della famiglia reale, particolarmente sulle difficoltà matrimoniali dei figli attraverso gli anni Ottanta e Novanta, la regina Elisabetta rimane una figura su cui non si sono abbattute polemiche ed è generalmente rispettata da tutti i suoi sudditi. Comunque, il suo ruolo pubblico rimane formale, anche se più tranquillo rispetto a una volta. Il suo rifiuto di mostrare emozioni in pubblico impedisce il nascere di un sentimento più profondo nei suoi riguardi da parte della gente.

La regina Elisabetta non ha mai sofferto di severa disapprovazione della gente. Comunque, nel 1997 lei e altri membri della famiglia reale furono bollati come freddi e senza sentimenti quando non furono visti a partecipare in pubblico alle dimostrazioni di dolore in occasione della morte della Principessa Diana. Questo apportò critiche anche da parte dei tabloid tradizionalmente favorevoli alla monarchia.

Si crede che Elisabetta nutrisse avversione nei confronti di Diana e pensava che lei avesse arrecato un danno immenso alla monarchia. Comunque, l'immagine dell'intera famiglia reale che china il capo davanti alla bara di Diana mentre passa davanti a Buckingham Palace, insieme a rare trasmissioni televisive in diretta, fecero appello al dolore pubblico. Si crede che il cambiamento di comportamento della regina sia dovuto da una forte influenza della Regina Madre e Tony Blair.

La regina resta un capo di stato molto rispettato. Nel 2002 ha celebrato il suo Golden Jubilee (Giubileo d'Oro), segnando il 50° anniversario della sua salita al trono. In quell'anno la regina compì molti viaggi nei Paesi del Commonwealth, incluse numerose parate e concerti ufficiali. Nel giugno 2002, migliaia di persone si unirono fuori da Buckingham Palace per il "Party a Palazzo", un concerto in cui si esibirono numerosi cantanti delle isole britanniche. Una funzione nazionale di ringraziamento si tenne il giorno dopo alla Cattedrale di St.Paul, alla quale la regina e il principe Filippo si avviarono a bordo della carrozza dorata. Questo fu seguito da feste e processioni, finendo con un volo di Concorde fly-past e i Red Arrows.La famiglia reale seguì l'evento dal balcone di Buckingham Palace, davanti a una folla di un milione di persone.

Purtroppo l'anno di Giubileo coincise con le morti, nel giro di pochi mesi, della madre della regina e della sorella. Le relazioni di Elisabetta coi figli, che erano ancora distanti, sono invece ora diventate più strette con queste morti. È particolarmente vicina alla nuora, Sophie, contessa del Wessex. È conosciuta per aver disapprovato la lunga relazione del Principe del Galles con Camilla Parker-Bowles, ma con il loro recente matrimonio, è riuscita ad accettarla. D'altra parte, è molto legata ai suoi nipoti, specialmente al principe William del Galles e a Zara Phillips.

Nel 2003 la regina, la cui salute è robusta, si sottopose a tre operazioni. Ebbe due operazioni di chirurgia verso la fine dell'anno alle due ginocchia e si fece rimuovere lesioni dal volto. Ciò ha provocato alcuni dibattiti nei media riguardo al fatto se la monarchia dovrebbe evolversi contemplando la possibilità per il re di abdicare come in altre nazioni, e fece nascere insistenti voci riguardo a una sua abdicazione.

Mentre la regina si avvicina al suo 80° compleanno, ha smentito ogni ipotesi di una possibile abdicazione. Quelli che la conoscono bene asseriscono che intende regnare come regina finchè non morrà. La regina, comunque, ha iniziato ad affidare alcuni doveri pubblici ai figli, come ad altri membri della famiglia reale. Nel 2005 è stato annunciato che, insieme al principe Filippo, avrebbe ridotto il numero di viaggi internazionali. Comunque è chiaro che intende fare quanto le è possibile finchè è abile fisicamente.

L'immagine pubblica di Elisabetta si è notevolmente ammorbidita negli ultimi anni, particolarmente dalla morte della regina Madre. Anche se rimane riservata in pubblico, è stata vista ridere e sorridere molto più che in passato e, per lo sconcerto di molti, è stata vista commuoversi in occasioni di forte emozione, come la messa in memoria per gli attacchi terroristici dell'11 Settembre alla Cattedrale si St.Paul e in Normandia per il 60° anniversario del D-Day, dove, per la prima volta, si è rivolta alle truppe canadesi.

Ruolo politico

In teoria, la regina ricopre un ruolo essenziale nel processo legislativo nei regni. La "Corona in Parlamento" (la regina che agisce con il consiglio e il consenso del Parlamento), in ogni paese, è una parle integrante del Parlamento, insieme alla "camera alta" e alla "camera bassa". In pratica, però, il ruolo della regina nel processo legislatico è interamente cerimoniale. La regina può legalmente garantire o negare l'assenso a leggi, ma nessun sovrano rifiuta il suo assenso a una legge dal 1708. La regina, o il suo governatore generale nel regni al di fuori della Gran Bretagna, tiene un discorso all'annuale apertura del Parlamento, sottolineando il programma degislativo del governo per l'anno, ma il discorso è scritto dai ministri.

La regina ha anche un ruolo cerimoniale nel governo esecutivo. I governi sono conosciuti come "Il governo di Sua Maestà" e la regina nomina i ministri che vi lavorano. In pratica, comunque, la composizione del governo non è determinata dalla regina, ma dal Primo Ministro, che "consiglia" la regina. Il governo deve rispondere in prima istanza non alla regina, ma alla camera bassa del Parlamento. Il ruolo della regina nel potere giudiziario è puramente cerimoniale: la corte agisce in suo nome e i processi sono condotti in sua vece.

La regina non può essere condotta in giudizio alla corte come capo di stato, nè può essere citata personalmente per qualche atto ufficiale svolto da lei stessa o in suo nome (anche se la Corona può essere citata come entità legale). La regina è, comunque, una persona normale che deve seguire la legge, a cui è soggetta come gli altri cittadini. Il problema se il sovrano possa essere condannato per un'offesa commessa non è mai stato provato. Nella Rivoluzione inglese del XVII secolo, il Parlamento condannò Carlo I d'Inghilterra per tradimento, ma dopo la Restaurazione di Carlo II d'Inghilterra, questi procedimenti furono accusati di essere illegali.

I Primi Ministri britannici prendono molto seriamente i loro incontri settimanali con la regina. Un Primo Ministro ha detto che li prendeva più seriamente delle sessioni di Prime Minister's Questions nella Camera dei Comuni perché La Regina era più incisiva e costruttiva di chiunque potesse affrontare al momento del confronto. Elisabetta intrattiene inoltre conversazioni con singoli ministri britannici e occasionalmente tiene incontri con ministri di altri Paesi. Anche ministri conosciuti per avere vedute repubblicane parlano bene di lei e ritengono utili questi incontri.

La regina incontra anche il Primo Ministro scozzese. Il palazzo reale di Edimburgo, il Palazzo di Holyroodhouse, già dimora dei re scozzesi, come Mary I di Scozia, è ora regolarmente abitato, ed è residenza di almeno uno dei membri della famiglia reale (spesso il Principe del Galles o la Principessa reale). Riceve anche rapporti dalla nuova Assemblea gallese, ed è continuamente tenuta informata dell'andamento degli altri governi del Commonwealth.

Benché la tradizione le imponga di non intervenire direttamente in politica, il suo lungo periodo di servizio, il fatto che è stata interlocutrice di ogni Primo Ministro a partire da Winston Churchill in Gran Bretagna, Louis St. Laurent in Canada, Alexander Bustamante in Jamaica, Sidney Holland in Nuova Zelanda, e molti altri, insieme alla sua conoscenza di molti leader mondiali, fanno sì che quando esprime una opinione, per quanto cauta, le sue parole vengono prese in seria considerazione. Nelle sue memorie, Margaret Thatcher offriva questa descrizione dei suoi incontri settimanali con la Regina:

"Chiunque pensi che siano una mera formalità, o limitati ad amenità sociali, si sbaglia; sono molto simili a riunioni di lavoro e Sua Maestà mostra di avere una visione formidabile delle tematiche più urgenti e una grande esperienza."

Durante una discussione all'interno del Commonwealth a proposito delle sanzioni al Sud Africa, la Regina fece un puntiglioso riferimento al suo ruolo di Capo del Commonwealth che, al tempo, fu interpretato come un segno di disaccordo rispetto alla scelta della signora Thatcher di opporsi alle sanzioni.

La Regina è stata coinvolta in alcune controversie politiche durante il suo regno, durante le quali le sue azioni sembrano aver affermato le sue convinzioni politiche. Il 18 novembre 1965, il Governatore della Rhodesia (Sir Humphrey Vicary Gibbs) fu nominato Cavaliere Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano, un onore concesso dalla Regina in persona, una settimana dopo che Ian Smith aveva fatto la sua Dichiarazione Unilaterale di Indipendenza. Gibbs era molto leale verso la Rhodesia e anche se aveva rifiutato di accettare la Dichiarazione Unilaterale di Indipendenza, il premio fu considerato per lo meno intempestivo.

Nel suo discorso al Parlamento in occasione del Giubileo d'argento 1977, la regina affermò: "Non posso dimenticare che fui incoronata regina del Regno "Unito" di Gran Bretagna e Irlanda del Nord". Questo riferimento venne in un momento in cui il governo laburista stava tentando di introdurre un controverso progetto di devoluzione alla Scozia e al Galles, e fu interpretato come opposizione alla devoluzione. Però, nell'ultima parte degli anni Novanta, dopo che i referendum approvarono un progetto di devoluzione, la regina inviò i suoi migliori auguri al nuovo Parlamento scozzese.

La Regina ha fatto amicizia con molti leader stranieri, fra cui Nelson Mandela, Mary Robinson e George H. W. Bush, il cui figlio, George W. Bush, è stato suo ospite a Buckingham Palace, il primo presidente Americano in più di 80 anni ad essere ospitato a Buckingham Palace. In certi momenti questi contatti si sono dimostrati molto favorevoli per l'Inghilterra. Per esempio, il primo ministro John Major ebbe una volta problemi a lavorare con un certo leader del Commonwealth. La Regina informò Major che lui e il leader avevano un interesse sportivo in comune. Major usò quindi questa informazione per stabilire un rapporto personale, che alla fine portò benefici a entrambi gli stati. In modo simile la Regina prese l'iniziativa quando il Presidente Irlandese Mary Robinson iniziò a visitare l'Inghilterra, suggerendo che avrebbe volentieri invitato la signora Robinson a farle visita a palazzo. Il Governo Irlandese accettò l'idea con entusiasmo. Il risultato è stata la prima visita in assoluto di un Presidente Irlandese per incontrare un monarca Britannico.

Il regno di Elisabetta ha anche assistito a un incremento del movimento repubblicano in Gran Bretagna e nel Commonwealth.

Parentele

La regina Elisabetta II discende dalla casa reale di Germania di Sassonia-Coburgo-Gotha, che ereditò il trono dalla regina Vittoria (di casato Hannover) alla sua morte, nel 1901. È inoltre discendente della casa reale d'Inghilterra di Wessex e di quella scozzese degli Stuart, le quali famiglie si imparentarono a partire dal VII e dal IX secolo. Attraverso la sua bisnonna, la regina Alessandra di Danimarca, discende anche dalla casa reale danese Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg, a una linea dell'antico e prestigioso casato nordeuropeo degli Oldenburg. Come pro-pro-nipote della regina Vittoria, Elisabetta II è imparentata con molti sovrani di case reali europee: è cugina di Alberto II del Belgio, di Harald V di Norvegia, di Juan Carlos I di Spagna e di Carlo XVI Gustavo di Svezia, così come re decaduti come Costantino II di Grecia e Michele di Romania; è imparentata anche con le case reali di Prussia (Hohenzollern) e Russia (Romanov).

Titoli

Nel Regno Unito, il suo titolo ufficiale è Elisabetta II per Grazia di Dio regina del Regno Unito di Gran Bretagna e di Irlanda del Nord e di tutti i possedimenti inglesi, Capo del Commonwealth e Difensore della fede, ma nella vita comune la regina viene comunemente chiamata The Queen ("la regina") o Her Majesty ("Sua Maestà").

Al momento della successione, il titolo "Elisabetta II" causò qualche controversia in Scozia, dove non c'era mai stata un'Elisabetta I (sebbene non ci fosse stata alcuna simile controversia ai tempi di Guglielmo IV del Regno Unito e Edoardo VII del Regno Unito). In un raro atto di sabotaggio in Scozia, le nuove caselle postali della Royal Mail, recanti le iniziali E.R.II furono fatte saltare. Ne consegue che le caselle postali in Scozia oggi riportano solo una corona e nessuna iniziale reale. Un caso legale, MacCormick v. Lord Advocate (1953 SC 396), fu usato per contestare il diritto della regina a firmarsi Elisabetta II in Scozia, sostenendo che facendo ciò si sarebbero violati gli accordi dell'Act of Union, (1707). Il caso fu perso sulla base del fatto che i contestatori non avevano diritto di citare la Corona e anche che la numerazione dei sovrani era parte della royal prerogative e non regolata dall'Act of Union. Ci sono altre due materie di controversia, che sono molto meno conosciute. Primo, il fatto che nella Scozia pre-unitaria ci si rivolgesse al sovrano come "Vostra Grazia" e non come "Sua Maestà", e poi che il titolo preferito dai re era stato "Re / regina degli scozzesi", piuttosto che "di Scozia" (sebbene questo non fosse conosciuto).

I futuri monarchi britannici ora devono essere numerati in relazione ai loro predecessori, che siano inglesi o scozzesi, anche nel caso il numero sia alto. Applicando questa regola retroattivamente ai monarchi finché l'Act of Union riporti la stessa numerazione.

Seguendo una decisione del Commmonwealth alla conferenza del 1953, la regina Elisabetta usa differenti titoli in ognuno dei suoi regni. In ogni stato governa da monarca prescindendo dagli altri ruoli che assume nei suoi altri Paesi.

Giustamente chiamata "Sua Maestà la Regina" (e quando una distinzione è necessaria "Sua Maestà Britannica" o "Sua Maestà Canadese"), le sue precedenti nomine erano:

  • Sua Altezza Reale Principessa Elizabetta di York (19261936)
  • Sua Altezza Reale Principessa Elizabetta (1936–1947)
  • Sua Altezza Reale Principessa Elizabetta, Duchessa di Edinburgh (1947–1952)

Stemma

La Regina ha uno stemma reale, lo stesso dai tempi della regina Vittoria. diviso in quattro parti dedicate a una regione del regno: I e IV Inghilterra, II Scozia, III Irlanda. Lo stendardo reale è generalmente una bandiera con i quattro simboli. Esistono però Royal Standard particolari per le diverse zone che dipendono da Sua Maestà Britannica, come il Canada, l'Australia, la Nuova Zelanda, e la Giamaica.

Personalità ed immagine

La regina non ha mai rilasciato interviste alla stampa, e le sue visioni politiche sono sconosciute eccetto a quei pochi ministri che intrattengono converasazioni con lei. È anche considerata privatamente un ottimo mimo. Piuttosto conservativa nel vestire, la regina è conosciuta per i soprabiti dai colori forti e per i cappelli decorativi, che le consentono di essere vista facilmente nella folla. Sebbene frequenti molti eventi culturali, come parte del suo ruolo pubblico, nella vita privata si dice che la regina nutra poco interesse per cultura o arte. I suoi principali interessi includono le corse dei cavalli, fotografia, e i cani, specialmente il Pembroke Welsh Corgi.

La regina invia un annuale Messaggio di Natale Christmas Message al Commonwealth, ogni anno eccetto il 1969 da quando è diventata regina.

Negli avvenimenti diplomatici la regina è estremamente formale e il protocollo reale molto stretto. sebbene alcune delle tradizionali regole concernenti il sovrano sono state abolite durante il suo regno (per esempio, non è più richiesto l'inchino), altre forme di interazione, come il toccare il monarca, non sono consigliate. Molti capi politici esteri sono stati criticati dalla stampa inglese per aver rotto quest'ultima regola, del toccare il sovrano.

Il suo precedente Primo Ministro parlava molto bene di lei. Da quando è diventata regina, passa circa tre ore al giorno "doing the boxes", cioè leggendo giornali si stato mandatigli dalle varie province, ambasciate e uffici governativi. avendo fatto questo dal 1952, è la persona che ha assistito maggiormente agli affari pubblici dall'interno ed è perciò in grado di fornire consigli a Tony Blair, basati su fatti comunicatigli da Harold Wilson, Harold Macmillan, Edward Heath, Winston Churchill e molti altri leaders più anziani. In questo senso, prende le sue responsabilità con molta serietà, una volta menzionando un 'telegramma interessante' dell'ufficio degli Affari Esteri all'allora Primo Ministro Winston Churchill, perché il Primo Ministro non si era disturbato a comunicarglielo quando ne era giunto a conoscenza.

Voci correlate

Wikiquote riporta una collezione di aforismi o citazioni su Elisabetta II del Regno Unito.

Collegamenti esterni


 

Predecessore:
Giorgio VI
Regina del Regno Unito
dal 6 febbraio 1952
Successore:
 


 



LA RIVISTA
SALVA-INGLESE!

  1. Perché è utile
  2. Leggi il n. 1 gratis!
  3. Acquista gli arretrati
  4. Cosa dicono i lettori
  5. Il  metodo

 


 

 

 

 

 ------------------------------------------------