New Page 1

LA GRAMMATICA DI ENGLISH GRATIS IN VERSIONE MOBILE TEL. 02-78622122 info@englishgratis.com -  INFORMATIVA PRIVACY

  Telefono: 02-78622122       # LOGIN ELINGUE
  Email:

Selettore risorse   

   


IN OMAGGIO CON 20 ORE
6 RIVISTE ENGLISH4LIFE
1 ANNO DI ELINGUE

 Oggi con ogni corso 20 ORE in omaggio ELINGUE e 6 RIVISTE+5 CD


                                         IL Metodo  |  Grammatica  |  RISPOSTE GRAMMATICALI  |  Multiblog  |  INSEGNARE AGLI ADULTI  |  INSEGNARE AI BAMBINI  |  AudioBooks  |  RISORSE SFiziosE  |  Articoli  |  Tips  | testi pAralleli  |  VIDEO SOTTOTITOLATI
                                                                                         ESERCIZI :   Serie 1 - 2 - 3  - 4 - 5  SERVIZI:   Pronunciatore di inglese - Dizionario - Convertitore IPA/UK - IPA/US - Convertitore di valute in lire ed euro
 
  
                                            AREA SHOP  ABBONAMENTO ELINGUE-ALL INCLUDED | RIVISTA ENGLISH4LIFE  | CORS0 20 ORE DI INGLESE |  CORSO 20 ORE DI SPAGNOLO | CORSO 20 ORE DI TEDESCO  | CORSO 20 ORE DI FRANCESE  | CORSO 20 ORE DI RUSSO

ARTICOLI SULLA LINGUA E LA CULTURA INGLESE

  1. Alfabeto Fonetico Internazionale (AFI)
  2. Anglicanesimo
  3. BBC, sito didattico
  4. Burocratese addio
  5. Car boot sales
  6. Corsi Comenius per insegnanti in Galles
  7. Corsi Comenius per insegnanti in Irlanda
  8. Corsi Comenius per insegnanti a Malta
  9. Il colore dei soldi
  10. Descrivere il cibo
  11. Differenze fra video didattici e film veri nello studio delle lingue
  12. Il miglior amico di chi studia: il dizionario
  13. Inglese a suon di musica
  14. Inglese certificato, mezzo salvato
  15. Intercontinental, ovvero distribuire la stampa britannica in Italia
  16. Lavorare a Londra
  17. Inglese americano
  18. Storia della lingua inglese
  19. Macmillan English Dictionary
  20. Io l'inglese l'imparo cos
  21. A murder mystery weekend
  22. Another brick in the wall
  23. Nella buona e nella cattiva sorte: come si sposano gli inglesi
  24. Quanto inglese c' nel gioco del calcio?
  25. Repetita iuvant, i vantaggi della ripetizione in didattica
  26. Specchio delle mie brame, dimmi qual la traduzione migliore del reame
  27. Tutti a Teletubbyland!
  28. Come ti ammansisco il TOEFL
  29. Tradurre al computer
  30. Trinity: certificare il parlato
  31. Tu vo' fa' il traduttore, il traduttore... ma sei nato in Italy!

 

New Page 1

CONTENUTI DEL NOSTRO SITO


GRAMMATICA
 67 schede grammaticali

ESERCIZI
Serie 1 - 100 esercizi vari
Serie 2 - 100 esercizi vari
Serie 3 - 100 esercizi di traduzione dall'italiano
Serie 4 - 50 quiz facili ed istruttivi 

Serie 5 - 50 nuovi esercizi vari
88 Esercizi Magic Advanced

99 ESERCIZI PER Imparare l'Alfabeto Fonetico
METODO CASIRAGHI-JONES
La teoria - 12 articoli
La pratica - 132 testi studiabili

VIDEO DIDATTICI
34 video per l'inglese de
i tuoi bambini
84 video per insegnare l'inglese a te stesso
79 video per imparare l'inglese americano!
26 video per capire meglio la grammatica
32 video con Julian, il super-teacher UK
62 video con le favolose TED Lessons
28 video con le famose conferenze di TED

23 video di innovazione tecnologica
29 videobooks, audio +testo a schermo
65 articoli di Wikipedia con audio +testo

ANGLOH

4000 video professionali e fai-date

INGLESE SFIZIOSO
50 risorse insolite, divertenti e istruttive
TESTI PARALLELI
  
1533 testi paralleli per conoscere l'Europa
AUDIO BOOKS
425 classici con pronuncia e traduzione
VIDEO BOOKS

50 videobooks: audio e testo a video

TESTI PARALLELI IN ALTRE LINGUE
  
FRANCESE 50 testi paralleli
TEDESCO 45 testi paralleli


 




Clicca sul pulsante qui sopra per iscriverti alla nostra newsletter gratuita che ti informer su tutte le nostre novit e iniziative!


Storia della lingua inglese
Articolo di Wikipedia, editato da Roberto Casiraghi   
 
WITH A VERY BIG THANK YOU FROM THE ENGLISH GRATIS TEAM!



In questo articolo tratto da Wikipedia, di carattere specialistico, si analizza sinteticamente la storia dell'evoluzione della lingua inglese. Lo consigliamo a chi curioso di conoscere le origini dell'inglese e sar sorpreso di vedere che l'inglese, molti secoli fa, era una lingua con declinazioni come il latino o il tedesco di oggi!
TESTO ORIGINALE TRATTO DA: http://it.wikipedia.org/wiki/Lingua_inglese
COPYRIGHT:
Il presente articolo autorizzato ai sensi della GNU Free Documentation License, il che significa che lo si pu copiare e/o modificare a patto che l'intera opera e le sue modifiche rimangano nei termini della licenza GNU originaria. Vedi http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html per ulteriori dettagli. Ogni lesione di copyright eccedente le specifiche GNU verrda noi perseguita in sede sia civile che penale.
Introduzione

L' inglese (English) una lingua indoeuropea appartenente al ramo occidentale delle lingue germaniche, assieme all'olandese, all'alto e basso tedesco, al fiammingo e al frisone. Conserva ancora un'evidente parentela col sassone continentale (dialetto del basso tedesco)

L'inglese occupa una posizione del tutto particolare, non solo rispetto alle lingue germaniche, ma anche all'interno del gruppo linguistico indoeuropeo: ha talmente semplificato e alterato la propria struttura da avvicinarsi ormai pi a una lingua isolante piuttosto che ad una lingua flessiva. Dal punto di vista del vocabolario, inoltre, contiene pi termini di origine non-germanica (specialmente latina) che germanica, ed verosimilmente la lingua pi aperta all'ingresso di nuovi termini da altre lingue.

Nel corso del XX secolo l'inglese divenuto la lingua franca per eccellenza, abbattendo la precedente supremazia del francese che a sua volta aveva sostituito il latino a fini di comunicazione diplomatica e scientifica. oggi anche strumento per la comunicazione fra etnie prive di connessioni culturali, scientifiche o politiche.

Si calcola che i parlanti inglese come lingua madre (English as a native language, ENL) siano circa 350 milioni, i parlanti di English as a second language (ESL), cio accanto alla lingua nazionale o nativa, circa 300 milioni, i parlanti di English as a foreign language (EFL), cio come una lingua appresa a scuola ma non in uso nel proprio paese, circa 100 milioni. Il numero di coloro che non usano l'inglese come lingua madre supera dunque quello di coloro che lo parlano dalla nascita.

Distribuzione geografica

L'inglese usato come lingua madre (pi o meno ufficialmente) nei seguenti paesi:

  • in Europa:
    • Isole del Canale (assieme al francese)
    • Galles (assieme al gallese)
    • Gibilterra (assieme allo spagnolo)
    • Inghilterra
    • Irlanda del nord
    • Repubblica d'Irlanda (assieme al gaelico irlandese)
    • Isola di Man
    • Scozia (assieme al gaelico scozzese)
       
  • in Oceania e nel Pacifico:
    • Australia (assieme alle aborigene e a lingue portate con l'immigrazione [cinese, vietnamita, etc.])
    • Nuova Zelanda (assieme al maori)
  • in Africa:
    • Liberia (assieme a lingue del gruppo Niger-Congo)
    • Sudafrica (assieme all'afrikaans e a lingue Bantu e Koisan)
       
  • nelle Americhe e nell'Atlantico:
    • Anguilla
    • Antigua e Barbuda
    • Ascensione
    • Bahamas
    • Barbados
    • Belize
    • Bermuda
    • Canada (17 milioni di francofoni)
    • Dominica
    • Isole Falkland
    • Isole Vergini americane e britanniche
    • Giamaica
    • Grenada
    • Guyana
    • Montserrat
    • St. Christopher e Nevis
    • Sant'Elena
    • St. Lucia (assieme al creolo)
    • St. Vincent e le Grenadines
    • Stati Uniti d'America (28 milioni con madre lingua diversa dall'inglese - in questo paese non vi una lingua ufficiale dello Stato, il suo uso in atti formali quindi meramente consuetudinario)
    • Trinidad e Tobago

impiegato come lingua ufficiale in: Bangladesh, Botswana, Brunei, Camerun, Isole Cook, Figi, Filippine, Gambia, Ghana, Hong Kong, India, Kenya, Kiribati, Lesotho, Malawi, Malaysia, Malta, Mauritius, Namibia, Nauru, Nigeria, Pakistan, Papua Nuova Guinea, Puerto Rico, Samoa Occidentali, Seychelles, Sierra Leone, Singapore, Isole Salomone, Sri Lanka, Tuvalu, Swaziland, Tanzania, Uganda, Vanuatu, Zambia e Zimbabwe.

Storia della lingua inglese

Nel suo lungo sviluppo l'inglese si notevolmente alterato. Convenzionalmente si divide l'evoluzione diacronica della lingua in tre fasi:

  • Inglese Antico (AI) o Anglosassone (AS)
  • Medio Inglese (MI)
  • Inglese Moderno (IM)

Possiamo estrapolare delle date approssimative tra le molte proposte, e dire che l'AI va dall'invasione della Britannia ad opera di Sassoni, Juti e Angli (V secolo d.C.) fino all'invasione normanna.

Il MI si pu far terminare intorno all'inizio del XVI secolo.

L'IM copre un periodo di tempo molto lungo, che va da Shakespeare ai nostri giorni.

Bench la lingua si sia evoluta in questi secoli (noi non leggiamo al giorno d'oggi le opere di Shakespeare seguendo la pronuncia dei suoi contemporanei), la sua struttura rimasta sostanzialmente immutata.


ANTICO INGLESE (ANGLOSASSONE)

Storia esterna

Secondo il resoconto del Venerabile Beda, le stirpi germaniche degli Angli, dei Sassoni e degli Juti, partite dallo Jutland e dalla Germania settentrionale, si insediarono in quella regione della Britannia che oggi l'Inghilterra nel 499 d.C.

Gli Juti si stabilirono nel Cantium (Kent), gli Angli nell'East Anglia, nelle Midlands e in Northumbria, i Sassoni nell'Essex, nel Middlesex e nel Wessex - cio rispettivamente regno dei Sassoni orientali, di mezzo ed occidentali.

Sotto la spinta dei nuovi venuti i Celti in parte si assimilarono, in parte si spostarono a ovest (North Walas, West Walas o Galles, Sth Walas o Cornovaglia).

Fonetica

Il sistema vocalico dell'AI consta di sette vocali, che possono essere brevi o lunghe:

  • a (aperta se breve, chiusa se lunga)
  • ([] o [:])
  • e (/ε/ se breve, /e:/ se lunga)
  • i
  • o (aperta se breve, chiusa se lunga)
  • u ([υ] o [u:])
  • y (come la del tedesco)

La lunghezza delle vocali non veniva indicata graficamente.

A partire dal X secolo le atone brevi a, e, o e u tendono a confluire nel suono indistinto schwa [ə] cos frequente nell'inglese moderno.

I dittonghi sono:

  • ea ([a] e [:a])
  • eo ([εo] e [ε:o])
  • ie ([iε] e [i:ε])

Tra le consonanti:

  • c rende i suoni [k] (cynn, stirpe) e [t∫] (c di cena) (sprc [sprt∫], discorso).
  • g pu indicare i suoni [j] (gar, anno) o [γ] (gh) (dagas, giorni).
  • h rende i suoni [h], [x] (fricativa sorda velare) o [] (ted. ich).
  • e possono rendere indifferentemente i suoni [] o [θ], esattamente come th nell'inglese moderno.
  • sc si legge [∫] (sc di scena) (wascan ['wa∫an], lavare).

Sostantivi

L'AI, a differenza dell'IM, possiede una ricca flessione, sia nominale che verbale. I generi sono tre, maschile, femminile e neutro.

Come in tedesco, il nome nell'AI presenta quattro casi: nominativo, genitivo, dativo, accusativo. Le classi di declinazione pi frequenti sono tre:

  • Nomi maschili e neutri in -a-. Questa classe corrisponde ai nomi indoeuropei in -o-s, germ. -a-z, lat. -u-s)
  • Nomi femminili in -o- (corrispondenti all'IE -a-, germ -u, lat. -a)
  • Nomi maschili, femminili e neutri in nasale (ted. Name, Friede).

Altre declinazioni meno frequenti sono la atematica, quella in -r-, quella dei neutri con plur. in -ru.

Declinazione in -a-, "stn", masch., "pietra"

 

sing.

plur.

nom

stn

stn-as

gen

stn-es

stn-a

dat

stn-e

stn-um

acc

stn

stn-as

Declinazione in -a-, "land", neutro, "terra"

 

 

 

sing.

plur.

nom

land

land

gen

land-es

land-a

dat

land-e

land-um

acc

land

land

Declinazione in -o-, "cearu", femm., "dolore"

 

 

 

sing.

plur.

nom

cear-u

cear-a

gen

cear-e

cear-a

dat

cear-e

cear-um

acc

cear-e

cear-a

I sostantivi atematici, masch. e femm., cambiano al plurale la vocale tematica in conseguenza di un antico umlaut: ft, masch. "piede", plur. ft.

Gli aggettivi

Gli aggettivi, secondo una caratteristica delle lingue germaniche, seguono una declinazione forte, con le desinenze dei pronomi, e una debole, con le desinenze dei sostantivi in nasale. Un aggettivo segue la declinazione debole quando preceduto da un articolo, un dimostrativo o un possessivo, la forte negli altri casi.

Pronomi personali

Prima persona

 

sing.

duale

plur.

nom

ic

wit

w

gen

mn

uncer

re

dat

m

unc

s

acc

m

unc

s

Seconda persona

 

 

 

 

sing.

duale

plur.

nom

git

g

gen

n

incer

ower

dat

inc

ow

acc

(c)

inc(it)

ow

Terza persona sing.

 

 

 

 

masch.

femm.

neutro

nom

h

ho

hit

gen

his

hire

his

dat

him

hire

him

acc

hine

h(e)

hit

Terza persona plur.

 

 

 

 

tutti i generi

 

 

nom

h(e)

 

 

gen

hira

 

 

dat

him

 

 

acc

h

 

 

 

L'articolo definito

L'aricolo definito si presenta nella forma s per il maschile, so per il femminile, t per il neutro. Quest'ultima forma sopravvive nell'IM the e that.

Verbi

Come in genere nelle lingue germaniche i verbi si dividono in due categorie: forti e deboli. Nei forti la vocale tematica muta passando dal presente al preterito al participio passato e dal singolare al plurale. P.es. da singan (cantare) si ha pret. sang, pret. plur. sungon, part. pass. gesungen. I verbi deboli formano il preterito mediante le desinenze -ede, -ode, -de, -te. Esistono varie ipotesi sull'origine di questa desinenza in dentale tipicamente germanica. Secondo alcuni autori deriverebbe dall'agglutinazione del verbo germanico per "fare" (qualcosa del tipo "I did change", "I change-did", "I changed"), secondo altri dalla particella t, "to".
I verbi forti, molto numerosi in AI, tenderanno, col passare dei secoli, in gran parte a scomparire o a confluire nella pi "regolare" declinazione forte. Quelli che si sono mantenuti sono in effetti i verbi di uso pi frequente, quindi meno propensi a venir "regolarizzati".

Un esempio di AI: il Padre Nostro

Fder re,

e eart on heofonum,

s n nama gehlgod.

Tbecume n rce.

Gewure n willa on eoran sw sw on heofonum.

rne gedghwmlcan hlf syle s t dg.

And forgyf s re gyltas, sw sw w forgyfa rum gyltendum.

And ne geld s on costnunge,

ac lys s of yfele.

Slce.


MEDIO INGLESE

Storia esterna

Alla morte di Edoardo il Confessore (1066) si scatena la lotta per il trono d'Inghilterra tra Aroldo, discendente designato dal re morente, e Guglielmo Duca di Normandia. Guglielmo sbaraglia le truppe di Aroldo a Hastings e viene incoronato a Westminster il giorno di Natale del 1066.
Con l'insediamento di una nuova classe governativa ed ecclesiastica normanna l'inglese regredisce dinanzi alla preponderanza del franco-normanno. Gli stessi re passavano spesso pi tempo nei loro possedimenti francesi che sull'isola: le loro terre nel XII secolo comprendevano l'Angi, il Maine, la Turenna, il Poitou e l'Aquitania oltre all'Inghilterra e alla Normandia.

Con Giovanni Senzaterra pressoch tutti i possedimenti francesi vanno perduti (tranne le Isole del Canale, ultimo brandello del Ducato di Normandia). A partire dalla Guerra dei Cent'Anni i legami con la Francia si affievoliscono. Il vecchio proverbio "Jack wold be a gentilman if he cold speke Frensk" comincia a perdere molto del suo significato. In Inghilterra si delinea un nuovo standard, basato sul dialetto di Londra e delle Home Counties.

Fatti di pronuncia

Nel passaggio dall'AI al MI hanno luogo i seguenti mutamenti fonetici.

  • /a/ lunga passa a /o/ lunga aperta (stn > ston).
  • [:] > [e:] (tcan > teche).
  • [] resta immutata. Viene resa con a.
  • [y] > [i].
  • [eз] > [ε].
  • [з] > [a].
  • [e:з] > [e:].
  • [:з] > [ε:]
  • Alcune vocali si allungano: climban > climbe ['kli:mbə], milde > milde ['mi:ldə], gatu > gate ['ga:tə].
  • Cade la n finale, tranne nell'infinito e nel part. pass. dei verbi forti.
  • hl-, hn-, hr- perdono la h (hnutu > nute).
  • Cade la finale -ch (luflich > lovely).

Perdita della flessione

Fatti di fonetica e di analogia, in parte gi attivi nel tardo AI, portarono alla quasi totale perdita della flessione. Tutte le finali -m diventarono -n. Contemporaneamente le vocali a, o, u, e in sillaba atona tesero verso il suono indistinto (schwa) e vennero generalmente scritte e (talvolta i).
La flessione dapprima si riduce a tre casi con la perdita dell'accusativo (ston, stones, stone), ma gi in Sir Gawain And The Green Knight il dativo scomparso (stan, stanes).
Per il plurale si estende la desinenza -es - -en per alcuni antichi sostantivi in nasale (oxen).
L'aggettivo si riduce a un singolare adesinenziale e a un plurale in -e (blind, blinde). Presto cadde anche questa marca del plurale (blind, blind)
Una delle conseguenze pi rilevanti dei fatti fonetici descritti fu la perdita pressoch totale del genere grammaticale.

AI stn, stnas, stne, stn
MI ston, stones, ston(e)

AI stnas, stna, stnum, stnas
MI stones

Inoltre, scompare il duale.

I pronomi

Con la perdita della flessione, i parlanti dipesero in misura sempre maggiore dai pronomi per avere indicazioni sul genere, sul caso e (quando gli aggettivi persero la desinenza -e del plurale) anche sul numero. Tra i dimostrativi delle forme AI s, so e t solamente the e that, originariamente forme neutre, sopravvissero nel MI. Un plurale tho esisteva in et elisabettiana. Dei dimostrativi s, os e is solo quest'ultimo sopravvisse in MI.
Tra i pronomi personali le perdite furono meno gravi poich qui c'era una maggior necessit di distinguere generi e casi. La prima persona ha nom., gen., dat.-acc. I, min, me, plur. we, our, us. La seconda u (thou), in, e, plur. ye, your, you. La terza masch. he, his, him, femm. heo (sche), hir, hire (her), neutro (h)it, his, (h)it. Il plur. he (ei), here (air), hem (em).
Le nuove formazioni in sh- per il femm. e in th- per il plurale sono di origine settentrionale e sono quelle che si affermeranno.

Verbi

La caduta delle e e delle n finali in quasi tutte le forme condurr a una notevole semplificazione della coniugazione verbale. Questo il presente di drinken nei dialetti meridionali: drinke, drinkest, drinketh, plur. drinketh. Al preterito nel Nord c' ormai solo una forma (drank) per tutte le persone.

Pronomi interrogativi e relativi

Esistono due pronomi interrogativi: who [hwo:] (masch. e femm.) e what [hwt] (neutro). Derivano direttamente dall'AI hw e hwt. Il genitivo whos [hwo:s] per tutti i generi, il dativo-accusativo risp. whom [hwom] e what [hwat].
Who ha anche funzione di pronome interrogativo indefinito (mod. whoever). Le altre forme sono impiegate sia come pronomi interrogativi che relativi. In funzione di pronome relativo si inizia a fare ampio uso di what e di which, entrambi usati per tutti i generi e numeri.

Gli avverbi

Con la perdita di -ch finale la desinenza -lich diventa -ly e trova un vasto impiego come indicatore della funzione avverbiale (deep, deeply).

Un esempio di MI, dalla "Ballad Of Our Lady" di Dunbar

Hale, sterne superne! Hale in eterne,

In Godis sicht to schyne!

Lucerne in derne [luce nelle tenebre], for to discerne,

Be glory and grace devyne;

Hodiern, modern, sempitern,

Angelicall regyne!


INGLESE MODERNO

L'introduzione della stampa in Inghilterra ad opera di William Caxton nel 1476 contribu alla fissazione dell'ortografia ma, poich ebbe luogo prima che si concludesse il Great Vowel Shift, determin il primo grande divario tra scrittura e pronuncia.
Dopo la nascita della Chiesa d'Inghilterra nacque l'esigenza di una versione inglese della Bibbia. Nel 1611 fu data alle stampe l'Authorized Version. La stampa, la Riforma e l'affermazione del ceto medio ("middle class") ebbero come conseguenza della diffusione di quella che si andava affermando come lingua standard.

L'espansione coloniale dell'Inghilterra diffuse la lingua in vasti territori dell'America del Nord, dell'Africa, dell'Asia, dell'Oceania.
L'indipendenza degli Stati Uniti corrispose alla formazione di una variet d'inglese, diversa dallo standard britannico, che si sarebbe affermata a livello mondiale nel XX secolo.

Il grande spostamento vocalico (Great Vowel Shift)

Il Great Vowel Shift (GVS) la pi importante alterazione fonetica della storia della lingua inglese. Si pu affermare che esso port l'inglese alla sua pronuncia attuale. Il GVS non ebbe luogo nella stessa epoca nelle diverse regioni (in alcune, particolarmente al Nord, assente nelle parlate locali al giorno d'oggi); si pu comunque porre il suo inizio al XV secolo e considerarlo compiuto alla fine del XVI.

Il GVS riguarda le vocali lunghe:

  • [i:] > [ai]--- side [si:də] > [said]
  • [e:] > [i:]--- deed [de:d] > [di:d]
  • [ε:] > [i:]--- heat [hε:t] > [hi:t]
  • [u:] > [au]--- town [tu:n] > [taun]
  • [o:] > [u:]--- roof [ro:f] > [ru:f]

Altri fatti fonetici

Tra i dittonghi [iu] e [εu] confluiscono in [ju:] (mute). [ju:] tende a semplificarsi in [u:] dopo l, r, [t∫] e [dζ] (rude, chew, June pronunciati come rood, choo, joon).
[au] passa a [:] (law).

Le spiranti allungano il suono di una a che le preceda: mass [ma:s], bath [ba:θ], staff [sta:f].

La r, peraltro destinata a scomparire dopo vocale, impedisce il GVS introducendo uno schwa: door [doз], clear [kliз].

Scompaiono i suoni [χ] e []. Il gh che li rappresentava perde ogni suono causando l'allungamento della vocale precedente (bright, night) ([brit] > [brait], [nit] > [nait]) oppure, specie in fine di parola, diventa [f] (cough).

[hw] diventa [w] (tranne che al Nord) ma si mantiene la grafia wh.

[j] tende a fondersi con la consonante precedente: ocean ['o:sjən] > ['o:∫ən], measure ['mεzjər] > ['mεζə], future ['fju:tjur] > ['fju:t∫ə], etc.

Uno dei fatti pi importanti la scomparsa della r postvocalica. Questa una caratteristica tipica del Sud, assente ancor oggi dai Midlands verso nord e in Scozia. assente negli Stati Uniti tranne nel New England orientale e nel Sud.

Il sostantivo

Il plurale in -s si afferma decisamente. Restano alcune forme con umlaut (foot, feet) e alcuni plurali in nasale (oxen).

Gli aggettivi

Gli aggettivi sono ormai invariabili.

I verbi

Diminuiscono notevolmente i verbi forti (ormai chiamati "irregolari"). All'interno di questa categoria scompare spesso la distinzione tra preterito e participio passato (cling, clung, clung).
Il congiuntivo si riduce fin quasi a scomparire. Nei rari casi in cui impiegato indistinguibile dall'indicativo tranne nei casi in cui ha una forma diversa (terza pers. sing. adesinenziale [he do], forma be del verbo essere).

La desinenza della terza persona singolare oscilla fra -(e)th (meridionale) e (e)s (settentrionale). Sar quest'ultima forma a prevalere.

La forma progressiva (to be ...ing) diventa regolare.

La costruzione to be + participio passato (I am come) diventa molto rara con l'affermazione di to have in questa funzione.


INGLESE CONTEMPORANEO

Lo standard britannico

La pronuncia dell'inglese standard britannico caratterizzata come segue:

  • una pronuncia non-rotica, cio la r non mai pronunciata dopo una vocale a meno che non segua un'altra vocale (anche iniziale di una parola successiva).
  • La l velarizzata in fine di sillaba (mill [miŁ]), chiara in tutte le altre posizioni.
  • Non c' distinzione tra w e wh [w].
  • La o lunga si pronuncia come uno schwa seguito da /u/ [əu]
  • La u breve (but) ha un suono molto aperto, praticamente [a].

Variet dialettali

La pronuncia dialettale settentrionale (dallo Staffordshire, Leicestershire e Lincolnshire verso nord) caratterizzata dai seguenti fatti fonetici.

  • GVS assente: cloud si pronuncia [klu:d], house [hu:s], night [ni:t].
  • Una vocale derivata da dell'AI si pronuncia [iə]: stone [stiən].
  • [aη] dell'AI conservato: lang [laηg] = long [loη] dello standard.
  • Il gruppo wh generalmente pronunciato [hw].
  • La u breve si pronuncia [υ]: butter ['bυtər], standard ['bata].
  • Path, grass, laugh, etc. si pronunciano [pθ], [grs], [lf] anzich [pa:θ] etc.
  • La pronuncia rotica (r pronunciata in tutte le posizioni).

Nel Sud

  • Il gruppo path, grass, etc. si pronuncia [pa:θ], [gra:s], etc.
  • h generalmente non pronunciata.
  • I dialetti occidentali (Dorset, Somerset, Devon) sono rotici e conservano la desinenza -eth alla terza persona sing. dei verbi.
  • Nei dialetti orientali (Kent, Dorset) le fricative sorde in inizio di parola sono sonorizzate: farm [va:m], sea [zi:].
  • A Londra e nelle Home Counties [ei] tende a diventare [ai] o [a:]: they [vai].

 

L'inglese d'Irlanda

L'Irlanda si pu suddividere, dal punto di vista linguistico in tre aree:

  • La costa orientale, con Dublino al centro, in cui l'inglese si affermato gi nel XVII secolo. L'inglese parlato in questa regione, denominato English Pale, conserva molti dei tratti portati nell'isola dai coloni inglesi.
  • Il Gaeltacht, la frangia occidentale in cui il gaelico ancora nell'uso quotidiano.
  • Tra le due si trova l'area centrale, in cui l'inglese si affermato tra il XVII e il XX secolo.

L'inglese parlato in Irlanda, specialmente il Pale, ha subito poche variazioni a livello di pronuncia mantenendosi per alcuni aspetti molto conservativo. Perfino al giorno d'oggi l'influsso dello standard britannico non si fa sentire molto fuori di Dublino.

A livello fonetico l'inglese d'Irlanda caratterizzato dai seguenti fenomeni:

  • I dittonghi [ai] e [oi] tendono a confondersi, e si realizzano, a seconda della regione, come [зi] o [ai].
  • I dittonghi [ei] e [əu] si presentano come [e:] e [o:]: face [fe:s], load [lo:d].
  • La [i:] derivata da [ε:] si presenta come [e:]: meat [me:t].
  • La r si pronuncia sempre.
  • La l sempre chiara, mai velarizzata.
  • [θ] tende a diventare [t] e [] [d]. Non si distinguono parole come thorn e torn, then e den.
  • [s] e [z] davanti a consonante vengono spesso relizzate come "sh" [∫] e "zh" [ζ], specialmente al sud. Fist si legge "fisht".

Nel lessico si riscontrano termini peculiari di origine gaelica, per esempio slean, vanga. 





 




PRODOTTI STRAORDINARI PER IL TUO INGLESE E PER TUTTE LE TUE ALTRE LINGUE




Leggi gratis online il primo numero di English4Life, l'anglorivista che mette il turbo al tuo inglese, l'unica con pronuncia guidata e doppia traduzione italiana per capire sempre tutto! La grande innovazione nella didattica della lingue inglese finalmente alla portata di tutti.



Scopri il Corso di Inglese 20 ORE Total Audio, la versione del corso 20 ORE fatta apposta per chi come te passa tanto tempo viaggiando!



CORSI 20 ORE - Corsi di lingue garantiti da noi per una preparazione di base superiore alla media in 5 lingue:
Inglese - Francese - Spagnolo - Tedesco - Russo


 


 


 

 
CONDIZIONI DI USO DI QUESTO SITO
L'utente pu utilizzare il nostro sito solo se comprende e accetta quanto segue:

  • Le risorse linguistiche gratuite presentate in questo sito si possono utilizzare esclusivamente per uso personale e non commerciale con tassativa esclusione di ogni condivisione comunque effettuata. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione anche parziale vietata senza autorizzazione scritta.
  • Il nome del sito EnglishGratis esclusivamente un marchio e un nome di dominio internet che fa riferimento alla disponibilit sul sito di un numero molto elevato di risorse gratuite e non implica dunque alcuna promessa di gratuit relativamente a prodotti e servizi nostri o di terze parti pubblicizzati a mezzo banner e link, o contrassegnati chiaramente come prodotti a pagamento (anche ma non solo con la menzione "Annuncio pubblicitario"), o comunque menzionati nelle pagine del sito ma non disponibili sulle pagine pubbliche, non protette da password, del sito stesso.
  • La pubblicit di terze parti in questo momento affidata al servizio Google AdSense che sceglie secondo automatismi di carattere algoritmico gli annunci di terze parti che compariranno sul nostro sito e sui quali non abbiamo alcun modo di influire. Non siamo quindi responsabili del contenuto di questi annunci e delle eventuali affermazioni o promesse che in essi vengono fatte!
  • Coloro che si iscrivono alla nostra newsletter (iscrizione caratterizzatalla da procedura double opt-in) accettano di ricevere saltuariamente delle comunicazioni di carattere informativo sulle novit del sito e, occasionalmente, delle offerte speciali relative a prodotti linguistici a pagamento sia nostri che di altre aziende. In ogni caso chiunque pu disiscriversi semplicemente cliccando sulla scritta Cancella l'iscrizione che si trova in fondo alla newsletter, non quindi necessario scriverci per chiedere esplicitamente la cancellazione dell'iscrizione.
  • L'utente, inoltre, accetta di tenere Casiraghi Jones Publishing SRL indenne da qualsiasi tipo di responsabilit per l'uso - ed eventuali conseguenze di esso - degli esercizi e delle informazioni linguistiche e grammaticali contenute sul siti. Le risposte grammaticali sono infatti improntate ad un criterio di praticit e pragmaticit pi che ad una completezza ed esaustivit che finirebbe per frastornare, per l'eccesso di informazione fornita, il nostro utente.

     

    ENGLISHGRATIS.COM un sito di Casiraghi Jones Publishing SRL
    Piazzale Cadorna 10 - 20123 Milano - Italia
    Tel. 02-78622122 - email:
    Iscritta al Registro Imprese di MILANO - C.F. e PARTITA IVA: 11603360154
    Iscritta al R.E.A. di Milano n.1478561 Capitale Sociale
    10.400 interamente versato

    Roberto Casiraghi           
    INFORMATIVA SULLA PRIVACY              Crystal Jones


    Siti amici:  Lonweb Daisy Stories English4Life  
    Sito segnalato da INGLESE.IT